iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Vv.aa. – Shatter The Hotel: A Dub Inspired Tribute To Joe Strummer

Vv.aa. - Shatter The Hotel: A Dub Inspired Tribute To Joe Strummer: Domanda n°1 : A chi non piacciono i Clash? Domanda n°2 : A chi non piace,magari piacevolmente coadiuvato dalla giusta d...

Vv.aa. – Shatter The Hotel: A Dub Inspired Tribute To Joe Strummer

Domanda n°1 : A chi non piacciono i Clash?
Domanda n°2 : A chi non piace,magari piacevolmente coadiuvato dalla giusta dose di droghe leggere,il dub?
Certo che a entrambe le domande avrete risposto:a nessuno vi voglio vivamente consigliare questo splendido tributo che omaggia nel più brillante dei modi una delle più grandi (la più grande) band del mondo.

Sgombrando il campo da qualsivoglia dubbio,tutti i pezzi sono di livello eccelso,ma in cotanta magnificenza spiccano la bellissima versione di “London calling” dei Dubmatix;la levità con cui mediano l’originale irruenza di “White riot” i Dub Antenna;la grande profondità con cui i Creation Rockers reinterpretano “Four horsemen”; il dub vecchia maniera,alla Aggrovators, di cui viene ammantata “Lost in the supermarket” dai Wrongtom meets rockers;la dolcezza roots con la quale i Dubcast impreziosiscono la già mirabile “Rudie can’t fail” e la patina raggamuffin con la quale O’ Luga & Kornerstone all-stars rivisitano “Spanish bombs”.
Vi propongo un gioco:fate come me e provate a vedere in quanto tempo riuscite a riconoscere i pezzi,fa molto “Sarabanda” e permette di omaggiare un genio come Enrico Papi.
A parte le facezie un disco bellissimo il cui ascolto è imperscindibile.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Brightest Room

The Brightest Room – Omonimo

Nel caso dei Brightest Room, dei quali ho avuto la fortuna di seguire la crescita artistica, si può, con cognizione di causa, parlare di questo nuovo lavoro come quello della completa maturità.