iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : A Canorous Quintet – The Quintessence

"The Quintessence" potrebbe essere una buona occasione per rivangare i fasti di un genere che, da lì a poco, avrebbe perso la sua carica innovativa imboccando una lenta ma inesorabile trasformazione in senso commerciale.

A Canorous Quintet – The Quintessence

Gli svedesi A Canorous Quintet ottennero un discreta fama nella seconda metà degli anni ’90 grazie a due ottimi lavori quali “Silence Of The World Beyond” e “The Only Pure Hate”.

La band proveniente dalla contea di Stoccolma faceva parte dell’ondata swedish di death melodico che segnò in maniera indelebile quella fase musicale della scena metal, soprattutto grazie a nomi come Dark Tranquillity e In Flames, restando però confinata a un livello di popolarità probabilmente inferiore al potenziale espresso.
Dopo l’uscita del secondo disco, di fatto, gli A Canorous Quintet si sciolsero, riprendendo l’attività solo nel 2006 con il monicker This Ending, anche in questo caso con alterne fortune commerciali nonostante la pubblicazione di due dischi di discreta fattura.
Personalmente non amo in maniera particolare le raccolte, che nella gran parte dei casi sono solo un modo più o meno subdolo per spillare ulteriori quattrini ai fan più accaniti e compulsivi; in questo caso, però, l’operazione possiede qualche motivazione in più, consentendo ad un eventuale acquirente di accaparrarsi un’opera esaustiva, che mostra una band dalla vita artistica relativamente breve, ma ugualmente capace di lasciare un segno tangibile, pur non raggiungendo le vette compositive dei nomi più noti al pubblico.
Concludo segnalando, per completezza di informazione, che il batterista Fredrik Andersson è poi entrato a far parte in pianta stabile degli Amon Amarth, mentre il cantante Mårten Hansen ha prestato la sua voce agli October Tide in “Grey Dawn” (oltre a restare entrambi nella line-up dei This Ending); The Quintessence potrebbe essere una buona occasione per rivangare i fasti di un genere che, da lì a poco, avrebbe perso la sua carica innovativa imboccando una lenta ma inesorabile trasformazione in senso commerciale.

Tracklist :
CD 1 – Silence Of The World Beyond (1996) :
1.Silence Of The World Beyond
2.Naked With Open Eyes
3.Spellbound
4.The Orchid’s Sleep
5.The Black Spiral
6.The Last Journey
7.In The Twilight Of Fear
8.Burning, Emotionless
9.Dream Reality

Bonus:
10.Silence Of The World Beyond (Live)
11.Reflections Of The Mirror (2012)
12.Dreamcloud(2012-unreleased)
13.Welcome To Your End (2012-unreleased)

CD 2 – The Only Pure Hate (1998)
1.Selfdeceiver (The Purest Of Hate)
2.Embryo Of Lies
3.Red
4.The Void
5.Everbleed
6.The Complete Emptiness
7.Retaliation
8.Realm Of Rain
9.The Storm
10.Land Of The Lost

Bonus:
11.Land Of The Lost (Demo 1997)
12.Revert To Life (Demo 1997)

As Tears (1995)
13.Through Endless Illusions
14.The Joy Of Sorrow
15.When Happiness Dies
16.Strangeland

Line-up :
Fredrik Andersson – Drums
Mårten Hansen – Vocals
Linus Nirbrant – Guitars
Jesper Löfgren – Bass
Leo Pignon – Guitars

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.