7 Training Days

7 Training Days

Passati due anni da “Wires”, i laziali 7 Training Days (Antonio Tortorello, Daniele Carfagna, Giovanni Ignagni, Simone Ignagni) danno alle stampe il loro terzo lavoro lungo. Il nuovo lavoro, registrato ancora una volta da Filippo Strang, riprende il suono del passato, cesellando ulteriormente il timbro personale che già avevano cominciato a costruire.

L’incipit energico e sinuoso di Awareness, sciogliendosi in ritornelli caldi e corposi, procede esplorando direzioni non sempre convenzionali, mentre il fluido correre di chitarre e batteria di Waste Of Gold, sostenuto dalle sobrie note di basso, lascia che a seguire sia il dolce e pacato abbracciare di White Lies (colorato da avvolgenti aperture sonore). Il lineare ma sostanzioso procedere di Stop The Bombing, entrando in testa fin dal primo ascolto, convince con i refrain e il calibrato mix strumentale (vicino a certo tex-mex).

La succesiva Lightway, invece, pacifica e luminosa, si contrappone alle espansioni sonore della vibrante e decisa Hurtgame, aprendo al succulento svilupparsi, tra chitarre, basso, batteria ed effetti, di Fuzz In Your Head.

If Winter Comes, infine, pacata e coinvolgente, scalda il cuore con la sua morbida intensità, cedendo il compito di chiudere all’altrettanto affascinante Red Ocean Blue Ocean (crescendo calibrati, melodie dolci e un fragile sentimento di malinconia sotto pelle).

Con questo Stop The Bombing i quattro 7 Training Days mettono a segno un bel colpo. Le nove canzoni proposte, infatti, varie e ben concepite, vengono metabolizzate nel giro di pochi ascolti, rapendo rapidamente il cuore dell’ascoltatore. Ci troviamo di fronte a un album dove si cerca continuamente di alzare l’asticella della qualità, il tutto provando a declinare sonorità già consolidate (indie rock, new wave) in maniera sempre più personale.
La parte grafica non mi ispira tantissimo, ma di fronte a canzoni così ben riuscite, la questione passa certamente in secondo piano.

 

ETICHETTA
VDSS Records

TRACKLIST
01. Awareness
02. Waste Of Gold
03. White Lies
04. Stop The Bombing
05. Lightway
06. Hurtgame
07. Fuzz In Your Head
08. If Winter Comes
09. Red Ocean Blue Ocean

LINE-UP
Antonio Tortorello
Daniele Carfagna
Giovanni Ignagni
Simone Ignagni

 

URL Facebook
https://www.facebook.com/7trainingdays/?fref=ts

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.