iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Lilyum – October’s Call

Quattro ottimi brani più intro, per poco più di mezz’ora di musica, sufficiente ai Lilyum per continuare imperterriti a tenere alto il vessillo di un genere ancora vivo e vegeto.

Lilyum – October’s Call

Ci sono band che per motivi spesso imperscrutabili raccolgono favori in misura nettamente inferiore ai propri meriti, al contrario di altre che, altrettanto misteriosamente, ottengono attenzioni che vanno ben oltre il loro valore.

I torinesi Lilyum non sono certo degli sconosciuti, ma quando si parla di black metal in ambito tricolore sono altri i nomi che svengono tirati immediatamente in ballo.
Proverò, nel mio piccolo, a modificare un tale stato delle cose dicendo subito che questo nuovo lavoro della creatura di Kosmos Reversum rappresenta nel migliore dei modi ciò che dovrebbe essere, ancora oggi, il genere nella sua espressione più consona, grazie a suoni abrasivi, diretti, coinvolgenti , arricchiti ad ampie sfumature thrash/ death e in grado di trasmettere il giusto livello di  inquietudine senza dover ricorrere ad artifici cervellotici.
Il musicista piemontese è convinto d’essere riuscito ad ottenere, con October’s Call, sesto full-length di una storia ultradecennale, il massimo del potenziale della sua band e su questo punto mi trova perfettamente d’accordo; l’album, intanto, non è affatto monolitico nel suo breve ma intenso incedere, conservando intatte le coordinate del genere che vengono avvolte da un’aura malinconica ed evocativa ben esplicitata in brani che, in diversa misura, presentano persino rallentamenti ai limiti del doom.
Kosmos Reversum , aiutato come già negli ultimi lavori da Xes (anche negli Infernal Angels), uno dei migliori vocalist in quest’ambito con il suo growl di matrice death, mette sul piatto un’opera che può essere ignorata solo da chi vuole fare dello snobismo a priori; se si pensa, infatti, che l’unica espressione possibile del black metal contemporaneo sia una versione avanguardistica equivalente , per lo più, al classico specchietto per le allodole, il disco si colloca esattamente agli antipodi di tutto questo.
October’s Call esce per Naked Lunch in un veste grafica molto curata e consta di quattro ottimi brani più intro per poco più di mezz’ora di musica, sufficiente ai Lilyum per continuare imperterriti a tenere alto il vessillo di un genere ancora vivo e vegeto, in spregio ai ricorrenti de profundis di chi si fa abbindolare da mode molto più accattivanti quanto estemporanee.

Tracklist:
1. Intro – October’s Call
2. Mother of Flies
3. Justice Palace
4. In Too Blue
5. Nothing

Line-up:
Kosmos Reversum – All instruments
XeS – Vocals

LILYUM – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.