iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un'opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

A cinque anni da Intimate Death Experience approdano a un nuovo full lenght gli Who Dies in Siberian Slush, una delle band guida del funeral doom nell’area ex-sovietica; infatti, il gruppo guidato fin dagli esordi da Evander Sinque è tra quelli che hanno promosso e sviluppato il sottogenere in Russia agli inizi del nuovo millennio.

Se probabilmente il combo moscovita non ha raggiunto i picchi qualitativi dei Comatose Vigil e dei primi Abstract Spirit, il livello medio delle uscite e soprattutto una buona continuità a livello di pubblicazioni rendono gli Who Dies in Siberian Slush gli odierni portabandiera di una scena che attualmente sembra aver perso in parte, anche a livello numerico, la spinta propulsiva che aveva caratterizzato i primi due decenni del secolo.

Così come già accaduto in prevalenza nel precedente lavoro, la band opta in questo caso integralmente per l’utilizzo della lingua madre, incluso il ricorso al cirillico anche nei titoli dell’album e dei brani, in ossequio a un sound che più di altri risente degli influssi della musica tradizionale russa; inoltre, l’utilizzo di uno strumento atipico per il metal come il trombone conferisce talvolta al sound un’aura tragicamente grottesca, favorendo il dipanarsi di una cifra stilistica alquanto peculiare.

Rispetto alle band citate gli Who Dies in Siberian Slush non si affidano a dirompenti slanci emotivi o a passaggi capaci di lasciare il segno al primo ascolto, bensì offrono un pesante carico di avvolgente e disincantato malessere esistenziale, sempre ben sorretto e descritto dall’efficace growl del leader.

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri (personalmente adoro sia la conclusiva e dolente За гранью sia la seconda traccia Омск, dedicata alla città siberiana che nel XIX secolo è stata la residenza forzata di chi veniva esiliato, sorte toccata tra gli altri anche a Dostoevskij) senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

2023 – Solitude Productions

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.

Grey Skies Fallen – Molded by Broken Hands

I Grey Skies Fallen rispetto a molte altre band del settore possiedono una forte indole progressive e una spiccata propensione alla forma canzone, il che li rende tutto sommato abbastanza peculiari e meno inquadrabili.