Verme – Un Verme Resta Un Verme

Verme – Un Verme Resta Un Verme

Verme - Un Verme Resta Un Verme: (AUTOPRODOTTO 2010) Punto primo : è un gran cd; punto secondo : è gratis. Ci muoviamo su coordinate tipo Fine Before ...

(AUTOPRODOTTO 2010)

Punto primo : è un gran cd; punto secondo : è gratis. Ci muoviamo su coordinate tipo Fine Before You Came, Dummo, insomma grida ed emozioni. Personalmente non sono un patito di questo genere perchè a volte l’emozionalità scade in lacrimucce, ma questo disco è davvero imponente, smuove dentro qualcosa e non ti fa rimanere indifferente, e allora lo senti e lo risenti, forse questi ragazzi che l’hanno suonato hanno veramente qualcosa da condividere, da esprimere.

Si sente urgenza, si sente angoscia per questa vita, tutto molto genuino e semplice. Come le cose migliori questo disco non offre risposte, ma solo domande, ma se già conoscessimo le risposte che cazzo di vita sarebbe? I Verme da Milano potranno essere in futuro un grande nome, o forse svaccheranno alla seconda uscita. Intanto sentitevi questo pezzo di vita, e alla prossima nevicata anche voi uscirete in mezzo ai fiocchi con le scarpe di tela.

verme666.wordpress.com
verme98@gmail.com

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.