Urban Fight

Urban Fight

intervista esclusiva ai Urban Fight / Bologna

Urban Fight 1 - fanzine

Iye:¬†Perch√® Fare uscire uscire un 7” con delle registrazioni risalenti agli anni ottanta?

(R) Si tratta di un desiderio realizzato con parecchi anni di ritardo, come scrive Steno nelle note interne, molti “inconvenienti” non ci permisero di farlo allora. Di¬†recente per√≤ cresciuto l’interesse nei confronti di quella che √® stata la “storia” del movimento punk, a Bologna e non solo. Sulla spinta di Franco Bacchini¬†(Dischi grezzi) che sta recuperando registrazioni di molti gruppi degli anni ottanta e con l’aiuto di Steno e Roberto Gagliardi (Hellnation) siamo finalmente riusciti a restituire dignit√† al lavoro di allora. Oltre ad essere innegabilmente una soddisfazione personale √®, secondo noi, importante per rendere la vera immagine di quel che era il fermento di quegli anni, dove il “DIY” era s√® una meravigliosa filosofia, ma gli strumenti per uscire dalle cantine erano davvero pochi e costosi.
Le registrazioni in diretta, fatte attaccando due microfoni al mixer, sono tra quelle cose che, al giorno d’oggi, vengono sbandierate da gruppi, magari di alto¬†livello, come espediente per “ritrovare un groove pi√® naturale”. Per noi era l’unico mezzo possibile, ed √® cos√® che registrammo su una cassetta (TDK C90) i¬†nostri quattro pezzi.

Iye: Vi ritrovate nei testi di allora?

(R) Possiamo dire che, bench√® fosse un diverso periodo storico e fossimo davvero giovani, l’et√† media della band era 16 anni, i testi risultano ancora piuttosto¬†attuali, forse elementari nella loro scrittura, ma descrivono ancora il nostro punto di vista nei confronti del mondo che ci circonda. Prendi ad esempio un brano come¬†“Progresso”, potresti sostituire alcune cose come ad esempio la TV con un qualsiasi mezzo di informazione/intrattenimento pi√® attuale, oppure pensare agli OGM invece¬†che al mercurio nelle arance, al posto della diossina (il riferimento era al disastro di Seveso) parlare di un qualsiasi disastro ambientale pi√® recente, il¬†risultato non cambierebbe di molto. Crediamo che lo stesso valga anche per gli altri brani del 7″, in fondo nulla √® cambiato o forse, pi√® semplicemente, non pu√®.

Iye: La copertina, mi ricorda, vagamente, un disco dei Clash. Ci sono delle influenze in tal senso?

(R) Il riferimento alla copertina di “Give ‘Em Enough Rope” √® del tutto casuale anzi, ad esser sinceri, sei il promo che ce lo ha fatto vedere. In realt√† √®¬†riconducibile agli scontri di piazza di quel ’77 che ha segnato in modo indelebile la storia della nostra citt√† oltre che la nostra adolescenza. Di certo all’epoca¬†ascoltavamo i Clash, anche oggi del resto, musicalmente eravamo per√® abbastanza lontani da quelle sonorit√†, non √® quindi una “citazione” o un rimando a quell’album.

Iye: Il vostro rapporto con i Nabat?

(R) Con i Nabat condividevamo le serate all’Osteria dell’Orsa, i sabati al Disco d’Oro, a volte la sala prove. Si √® costruito un sincero rapporto d’amicizia. Grazie¬†a Steno siamo saliti sul palco della seconda convenzione Oi! a Bologna nell’83. Nel tempo ci siamo allontanati dall’ambiente punk per una serie di nostre scelte¬†stilistiche, ma senza mai rinnegare le nostre radici. Negli ultimi anni ci siamo riavvicinati, il Vecchio Son √® diventata la nostra “casa musicale” ed abbiamo¬†potuto toccare con mano che quell’amicizia era davvero solida, ritrovarci a suonare l√® e sentirsi come se fosse passata una settimana e non trent’anni non √® cos√®¬†banale.

Iye: E con la scena di Bologna di allora?

(R) Siamo sempre stati, chi pi√® chi meno, all’interno dell’ambito punk anche nei periodi in cui la band non era “operativa”, √® vero che negli anni la formazione ha¬†subito molti cambiamenti e la musica si √® sviluppata accorpando contaminazioni diverse, principalmente metal, e questo ci ha “spostati su altri fronti”. In¬†quest’ultimo periodo abbiamo scelto di levarci di torno tutti gli “orpelli” e ritrovare un suono pi√® diretto, se vuoi pi√® divertente, siamo tornati a dividere¬†il palco con altri gruppi pi√® prossimi alla scena punk e siamo stati accolti¬†davvero bene.

Iye: State facendo anche dei concerti?

(R) S√®, non troppo frequenti ma s√®, abbiamo anche un album (Bootleg) che ripercorre gli ultimi anni della nostra produzione musicale riveduta proprio con¬†quelle sonorit√† dirette di cui parlavamo prima. Tra qualche giorno saremo proprio al Vecchio Son assieme a Klasse Kriminale e Nabat per presentare ufficialmente il 7″, in futuro chiss√†.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sep√Ļlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sep√Ļlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verr√† raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno ‚Äúsquadrone della morte‚ÄĚ; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sep√Ļlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si √® presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.