Tom Adams – Voyages By Starlight Ep

Tom Adams – Voyages By Starlight Ep

Un esordio ispirato e convincente

L’inglese Tom Adams, musicista in bilico fra neoclassica, pop ed elettronica, debutta, dopo diversi lavori autoprodotti, per Kowloon Records. Il lavoro, l’ep Voyages By Starlight, concentrandosi su sonorità pop/post rock delicate e sognanti, avvolge e culla con la sua morbida forza evocativa.

L’introduzione pensierosa ed empatica della title track, accarezzando con il suo mix di pianoforte ed elettronica, apre all’emotivo dischiudersi della calda e luminosa Seven Birds (delicata voce in falsetto, crescite sonore degne dei Sigur Ros) e il pacato brillare, tra aperture e chiusure, della introversa Fade.
L’espandersi sostanzioso ed etereo di Stellar, infine, circondando con il suo fascino nebulare, si scioglie tra le note della delicata e pacifica The Last Farewell.

L’ep pubblicato da Tom Adams merita indubbiamente di essere ascoltato. I cinque pezzi proposti, in perfetto equilibrio fra pop, post rock e neoclassica, conquistano ed emozionano in meno di un baleno, scaldando il cuore e regalando fantastici sogni ad occhi aperti. Un esordio ispirato e convincente.

TRACKLIST
01. Voyages By Starlight
02. Seven Birds
03. Fade
04. Stellar
05. The Last Farewell

TOM ADAMS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.