iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Thrashfire – Vengeance Of Fire

Nuovo ep per i turchi Thrashfire, freschi di firma con la Xtreem music, che propongono una versione violenta e speed del thrash.

Thrashfire – Vengeance Of Fire

Tornano, dopo la firma con la Xtreem Music, i turchi Thrashfire con questo ep di sei brani composto da quattro inediti e da due tracce risalenti al primo demo, originariamente uscito nel 2007.

Il trio di Ankara, attivo da una decina d’anni, è al secondo mini cd, ed ha nel suo curriculum un full length datato 2011 (Thrash Burned the Hell) e la sua proposta risulta, come da ragione sociale, un speedo thrash violento e old school.
Vicino come proposta al genere di tradizione tedesca (Kreator, Sodom, Destruction), questo nuovo mini cd è un assalto senza compromessi, puro metallo ignorante e senza fronzoli, veloce, sguaiato e dalle ritmiche forsennate.
Voce cattivissima e cartavetrata e tanta attitudine old school che esce prepotentemente dai solchi delle varie Vengeance of Fire, Thrash Assassinations of Rotten Streets (violentissima) e Chainsaw Metal.
Da notare come, all’ascolto delle songs estratte dal demo, la proposta del gruppo non si sia spostata di una virgola, tanto da non credere di essere al cospetto di brani con più di dieci anni sul groppone.
Speed/thrash violentissimo, classico prodotto consigliato solo ai fans incalliti del genere, con un approccio da prendere o lasciare che non lascia dubbi sulle intenzioni del gruppo turco, suonare il più veloce e devastante possibile.

TRACKLIST
1. (Intro) Back to Ritual
2. Vengeance of Fire
3. Thrash Assassinations of Rotten Streets
4. Chainsaw Metal
5. Silent Torture (Demo) *
6. Kill the Fake God (Demo) *

LINE-UP
Okan Özden – Bass, Vocals (backing)
Oktay Fıstık – Drums
Burak Tavus – Guitars, Vocals

THRASHFIRE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta