The Secret-Agnus Dei

The Secret-Agnus Dei 1 - fanzine

The Secret-Agnus Dei

Il braccio destro si muove come se avesse una vita propria, la spada trancia acciaio, metallo, ossa, muscoli e tendini. Il rosso del sangue diventa l’unico orizzonte.

Nato piangendo, morirai cagandoti nelle brache. Il cavaliere avanza, massacrando i nemici, prendendo anime, continuando a pregare. Agnus dei qui tollis peccata mundi. Il cavaliere non sente più niente, solo il suo respiro ritmico e il lontano rimbombo del cuore. Gli è tutto chiaro, non vi è confusione. Furia. Uccidere per vendicare. Il Signore prende e il Signore dà. Gli eretici stavano pregando nel loro tempio, quando la Militia Christi è entrata spade in mano, per punire chi vive nello sbaglio. Devi diventare tenebra per poter portare la luce. E il cavaliere affonda, recide, squarcia teste, carne, vagine, colli di infanti. Bilioni di tombe. Bisogna mondare il mondo dai parassiti della sabbia, da questi escrementi di Dio.

E la Militia Christi gli ha insegnato che uccidere l’eretico è come amare il proprio nemico, poiché lo libera dalle sue quotidiane bugie, da quel mondo di falsi idoli. Agnus dei qui tollis peccata mundi. La spada si blocca nella schiena di un eretico che tentava di scappare. Non puoi scappare, dopo la morte non vi è nulla, per voi. Ti amo. Ti squarto. In queste fetide catacombe, l’agnello di Dio si è ancora fatto carico dei peccati del genere umano per liberarlo.

Potenza geometrica di un amore infinito, che batte quest’infezione violenta che si chiama libero arbitrio. Non si sceglie, si può solo essere d’accordo con la Chiesa, con questo monolite nero di fede possente. Non dubito. Agnus dei qui tollis peccata mundi.
Un disco apocalittico, black, crust, hardcore, metal, odio, speranza e la nera fede che ha rovinato l’umanità. Bisogna ascoltare, permearsi di questo assalto sonoro per poter capire. I The Secret ancora una volta alzano l’asticella. Ed è capolavoro. Massacro musicale.

Carnage.

The Secret-Agnus Dei

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.