The Paper Kites – Twelvefour

The Paper Kites – Twelvefour

Gli australiani The Paper Kites, formazione a cinque composta da Sam Bentley, Christina Lacy, David Powys, Josh Bentley e Sam Rasmussen, ritornano, dopo il già interessante “States” (2013), con i dieci brani di Twelvefour. Il disco, focalizzato sul concept secondo cui il momento migliore per scrivere canzoni è fra la mezzanotte e le quattro (Sam Bentley per due mesi ha invertito i suoi ritmi sonno/veglia proprio per poter essere produttivo in quell’arco di tempo), si compone di dieci affascinanti brani pop/indie rock che fanno dell’essere pensierosi e lievemente malinconici il loro principale punto di forza.

La chitarra di Electric Indigo, unendosi ottimamente con i morbidi paesaggi sonori delineati da basso, batteria e synth, costruisce atmosfere calde e affascinanti in cui perdersi è un dolce piacere, mentre il procedere al tramonto, in macchina verso chissà dove, di Renegade, scaldando il cuore con i ricami di chitarra e il tono pacato del cantato, lascia che a seguire sia l’altrettanto affascinante Bleed Confusion (densa di malessere pensieroso al sapore di The National).
Il ritmo più spigliato di Revelator Eyes, invece, portando con sé un po’ di vivace energia, si scioglie nel tepore folk della pacifica ed emotiva Neon Crimson e nel fresco aprirsi classicheggiante di I’m Lying To You Cause I’m Lost (l’armonica sul finale aggiunge un rassicurante senso di familiarità).
A Silent Cause, infine, tra delicati arpeggi di chitarra, galleggia leggera come una foglia sulle acque di un lago, cedendo il compito di chiudere al luminoso distendersi di Woke Up From A Dream, al dolce abbracciare di Turns Within Me, Turns Without Me e al piglio notturno della dilatata Too Late.

Con questo secondo lavoro i The Paper Kites confermano in pieno di essere una band valida e in grado di scrivere dischi più che degni di ricevere attenzione. Il sound, soprattutto nella seconda parte dell’opera, si fa forse fin troppo classicheggiante, ma, nel complesso, le melodie e le atmosfere generate coinvolgono e affascinano in tutte le occasioni. Un ottimo album per una band che vale la pena cominciare a tenere d’occhio.

TRACKLIST
01. Electric Indigo
02. Renegade
03. Bleed Confusion
04. Revelator Eyes
05. Neon Crimson
06. I’m Lying To You Cause I’m Lost
07. A Silent Cause
08. Woke Up From A Dream
09. Turns Within Me, Turns Without Me
10. Too Late

LINE-UP
Sam Bentley
Christina Lacy
David Powys
Josh Bentley
Sam Rasmussen

THE PAPER KITES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.