iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Midnight Kings – Last Chance to Dance

Midnight Kings, autori di tre album che, con il passare del tempo, sono testimonianza di un'ispirazione e di uno smalto sempre vividi.

The Midnight Kings - Last Chance to Dance

The Midnight Kings – Last Chance to Dance

Qual è il vostro concetto di festa? I Pogues di Fiesta e la Fiesta (il sole sorgerà ancora) di Hemingway sono, in fondo, due facce della stessa medaglia.
A prescindere da ciò, esistono band che potrebbero rendere esplosivo persino un dopo convegno di Comunione e Liberazione, con protagonisti Vespa e Formigoni.
Fra queste si possono annoverare i nostri Midnight Kings, autori di tre album che, con il passare del tempo, sono testimonianza di un’ispirazione e di uno smalto sempre vividi. Ne sono indubbia riprova i sette brani di questa loro ultima fatica che li conferma come gruppo capace di trasformare una festa mesta in una festa sontuosa e sopra le righe.
La scaletta apre con i brani Tyrants of the Twist, un rock’n’roll sostenuto e danzereccio rafforzato da un ottimo uso della voce, cui segue Ten Years of Lovin’, nella quale i cori la fanno da  padroni e poi abbiamo C’Mon and Swin, un’ oliatissima macchina che corre veloce su strade deserte e rapide.
Midnight Train è talmente vivace che scuoterebbe dal torpore anche chi ha appena terminato di leggere un libro di Fabio Volo, mentre il pezzo che dà il titolo all’album, Last chance to dance, azzecca una melodia perfetta, che mi ricorda i da me amatissimi Fortune & Maltese; Bummblebee è la canzone del disco che più si avvicina allo psychobilly, e a chiudere il tutto The Midnight Queen strascicata e viziosetta, con un sax suadentissimo.
Venti minuti di suoni allegri e travolgenti, che volano in un attimo chiedendo uno, due, tre, innumerevoli bis. Vogliamo chiamarlo frat rock? Forse, ma sarebbe comunque riduttivo.
Resta il fatto che i Midnight Kings sono ciò che ogni rocker vorrebbe al suo compleanno/matrimonio/funerale.
Non perdetevi questa ultima chance di danzare perché senza poter ballare, non si fa la rivoluzione.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,