iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Liberators – The Liberators

The Liberators - The Liberators: Da Sydney arrivano questi dieci individui posseduti dal funk e dall'afrobeat, alla loro prima uscita, su Record Kicks, ...

The Liberators – The Liberators

Da Sydney arrivano questi dieci individui posseduti dal funk e dall’afrobeat, alla loro prima uscita, su Record Kicks, uno dei pochi motivi di fierezza per noi italiani. Questi australiani hanno il funk nel sangue, oh sì signori, e ti fanno muovere, proprio come me in questo momento, che non riesco a tenere fermo il sederino e i piedini. Figli degli anni settanta, non fanno il solito funk secco e profondo, ma hanno fortissime influenze africane, soprattutto nella costruzione della canzone, ovvero mettono il ritmo al di sopra di tutto, concedendosi qualche divagazione jazzista quanto mai appropriata.

I Liberators più che un gruppo sono un’orchestra, che scava alla ricerca del ritmo primordiale, quell’afflato sonoro partito di sicuro dal continente nero, per poi espandersi con l’uomo in ogni dove. Ci sono gruppi che copiano e magari lo fanno bene e in maniera piacevole, ma ci sono gruppi che scavano fiumi nella roccia, aprono passaggi dove prima non vi era nulla; a questa seconda categoria appartengono i Liberators. Ritmo e sudore, un disco che viaggia come un motorino in una notte di Lagos, una musica carnale e veramente anni ’70, anzi pare strano che si possa sentire in digitale. Debutto ma non lo sembra, e già aspetto ansioso la seconda prova. Se lo mettete la gente si muove come morsa da una tarantola, già provato durante una serata dal vostro umile recensore.

waww.recordkicks.com
waww.facebook.com/TheLiberators

The Liberators-The Liberators

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre

Dark Oath – Ages of men

I Dark Oath sono un gruppo portoghese di death metal sinfonico con voce femminile e “Dark ages” è il loro secondo disco, dopo il debutto intitolato “When Fire Engulfs the Earth”.