iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Temporal Sluts – Modern Slavery Protocol

Se amate il punk-rock questo album deve assolutamente passare sul vostro giradischi!

Temporal Sluts – Modern Slavery Protocol

E’ proprio vero le stagioni non sono più quelle di una volta, ed è altrettanto vero che il calcio di trenta/quaranta anni fa era molto più bello e avvincente di quello odierno.

Sono incisi che, a furia di essere reiterati, sono diventati realtà indiscusse ed indiscutibili. Un altro adagio che nessuno osa mettere in discussione è quello secondo il quale per suonare punk-rock sia necessaria un’incrollabile attitudine e che tutto il resto (abbigliamento, tecnica, fantasia) sia oltremodo secondario. Certo che quest’ultimo precetto sia universalmente accertato e suffragato dai fatti, vado a parlarvi di questo album dei comaschi Temporal Sluts che della suddetta attitudine ne esibiscono a tonnellate. Attivi dal lontano 1995 e autori di un buon numero di 7″ (di cui tre split con gli americani Humpers, i francesi T.V.Killers ed i nostrani, e bravissimi, Leeches) i nostri aggiungono al loro già di per sé prestigioso catalogo questa pregevolissima prova sulla lunga distanza. Che dire dei pezzi che la compongono? Che sono tutti simili ad un sacco di cose già sentite e debitori tanto al primo punk di Stooges, MC5, Dead Boys quanto a quello settantasettino senza perdere d’occhio una sana spruzzata di velocità alla New Bomb Turks. Insomma la solita trita e ritrita solfa che poi non è altro che la musica più viva, magnifica ed incendiaria che mente umana abbia concepito e per di più, nel caso della band in oggetto, suonata davvero come dio (volutamente minuscolo) comanda. Tra i dieci pezzi che compongono questo Modern Slavery Protocol una menzione particolare va alle deflagranti Cosmocracy e Liquid Fever, al vibrante punk’n’roll di To Get Her e di Tarzana Cigarette Girl ed all’ultra incisivo anthem MSP. Per chi vuole ascoltare un disco di vero, grande, incompromissorio punk-rock questo album è un appuntamento al quale non si può per nessun motivo mancare.

TRACKLIST
1) Cosmocracy
2) Flash Crash
3) Fractured Mantra
4) To Get Her
5) Black Cloud (Red Knees)
6) Run Dark Room
7) MSP
8) Liquid Fever
9) Tarzana Cigarette Girl
10) Zero Killed

LINE-UP
Kob Slut – Vocals
Luca Slut – Guitar
Killer Tony – Drums
Stefano – Bass
Miguel Basetta – Guitar

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Mourning After - Lately / Quit Bazar 7"

The Mourning After – Lately / Quit Bazar 7″

Pronti alla bisogna per assolvere nel migliore dei modi tale irrinunciabile esigenza ecco qui per me e per noi tutti, direttamente da quel di Sheffield, i veterani e collaudatissimi Mourning After ed il loro 7″ licenziato in questi giorni dalla Rogue Records.

Nico Plescia - Cecilia's Lullaby

Nico Plescia – Cecilia’s Lullaby

Una canzone che ricorda le filastrocche dei They Might Be Giants, sia pur essendo assai meno sghemba dei componimenti proposti dal duo americano, ma suonata con l’approccio di un Robyn Hitchcock.