iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Supernovos, Psichedelia Italiana Tra Post, Azzardo E Innovazione

Supernovos, Psichedelia Italiana Tra Post, Azzardo E Innovazione: Un nome forte, ambizioso, un progetto raffinato, quanto esplosivo, e tanto di più etereogeneo si possa pensare, come ave...

Recensione:
5/5

Supernovos, Psichedelia Italiana Tra Post, Azzardo E Innovazione

Un nome forte, ambizioso, un progetto raffinato, quanto esplosivo, e tanto di più etereogeneo si possa pensare, come avete pensato probabilmente che abbia preso una svista disumana scrivendo quest’ultimo termine, proprio etereogeneo.

I Supernovos, quattro amici affiatati del bolognese, da svariati anni insieme in gruppo e non, propongono un repertorio strumentale che alterna una notevole varietà ritmica e atmosferica ed una diretta oniricità sognante.
Iniziando da pezzi prestanti e concisi che facevano trasudare possente potenziale, si sono allargati sempre di più con il tempo, con gli ascolti, con le direzioni, costantemente illuminati da impulsi e dettagli riversati in un disco tanto azzardato quanto compatto, “About Vibes”, uscito nel 2015. Un percorso vibrante di emozioni e di gustoso background totalmente reinterpretato con la loro umiltà, compostezza e voglia di innovare, aver resa una mezz’ora musicale tra l’inebriante e sottilmente sofisticato tutto di base psichedelica, passando tra post rock, shoegaze in stile M83 e fantastici tappeti melodici.

Primi graduali riconoscimenti dal pubblico e non solo, ArezzoWave Emilia-Romagna e Poverarte Festival, svariate date, un videoclip girato da Pietro Borzì uscito pochi mesi fa che in maniera inaspettata racconta con gusto e pathos il mondo del wrestling italiano, fino a riprendere questo loro piccolissimo gioiello discografico e farlo interpretare.
Da qui nasce l’idea di Vibes_Remixed, una dimostrazione di quanto i Supernovos si vogliano mettere in gioco dando i loro i pezzi nelle mani di artisti prettamente elettronici e dar loro carta bianchissima.

I re-work cominciano con “RCW86”, intro di About Vibes (qui in free download) riassemblato, allargato e implementato prima da Mary Vétsera in chiave rischiosa tra lounge e dark ambient rendendo un grande sfogo compatto, e da Mindtapes, in versione leggermente più serena, più dream, da staccare con tutto. Gli After Crash, una delle migliori band elettropop italiane, riprende “Pareidolia” in maniera crescente e ben delineata, con ottima dinamica e fantastici arrangiamenti ritmici da rendere il pezzo veramente ammiccante e complice dell’originale, contrastando positivamente la versione in lunatica remix di Lord We Make in Japan, con tanti momenti solisti, momenti di elettronica follia e di aria fresca melodica, da suscitare tantissimo assemblato interesse. Versione barocca/elettronica per un pezzo molto legato ai Supernovos “Midnight Disco Flashes” rifatta da On Off Man, tempistici crescendo, effettistica tanto presente ma mai esagerata e inaspettate orchestrazioni finali che danno una fantastica somma. Ben articolati, di lieve fascino e veramente un ottimo seguace del loro vero esordio – seguace, non seguito. Per la continuazione di questo progetto ci sarà da attendere forse non molto, ma intanto godiamoci questa reinterpretazione spontanea e libera, come la loro mente e poetica.

La release è disponibile gratuitamente su Bandcamp e Soundcloud.

Segui i Supernovos su Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Blocco Nero – Cronache

A distanza di dieci anni dall’ultima apparizione discografica torna il Blocco Nero, una delle più interessanti avventure musicali degli ultimi anni. Il Blocco Nero tornano con “ Cronache” un disco che racchiude 8 canzoni che sono otto date importanti per la storia italiana e non

SONGS THE WEB TAUGHT US VOL. 15

Bentornata, gentaglia di poca fede, nuovo appuntamento (primo di questo nuovo anno) con “Songs The Web Taught Us“. Perdonate la lunga assenza, ma il vostro Reverendo è stato parecchio indaffarato, tra gli ossequi all’immacolato cuore di Mari(juan)a, la consueta gita natalizia a Betlemme per salutare

Morta Skuld – Creation undone

Morta Skuld: un disco che pareggia e forse supera le uscite migliori della loro gloriosa carriera, death metal senza compromessi alla carica sempre.