Suntiago-12:34

Suntiago-12:34 2 - fanzine

I romani “Suntiago” nascono nel 2009, fusione tra Emanuele Correani (reduce dal progetto solista “Embione”) e i”Sundowner” (Giovanni Ciaffoni, Stefano Cortese e Nahuel Rizzoni). Esce quest’anno “12:32”, il loro primo lavoro, EP completamente autoprodotto. Sono solo tre le tracce ma, malgrado questo, l’ascolto risulta comunque godibile (come didascalicamente sottolinea il titolo, sono all’incirca dodici minuti e mezzo di ascolto). In generale quello che i Suntiago ci propongono in “12:34” è un pop rock tutto nostrano che si pone a metà tra l’energia dei Subsonica e le atmosfere a tratti distese, a tratti tormentate dei Blastema.

La prima traccia, “Maschere” fa del ritornello orecchiabile la propria forza e ricorda da vicino le sonorità dei Subsonica, venate però da leggere influenze ska che rendono il pezzo più solare e movimentato. È un singolo che non sfigurerebbe di certo nel palinsesto di molte radio italiane, che lo si consideri un bene o no. “Suntiago” invece è una traccia meno immediata ma sempre piuttosto coinvolgente, grazie alle chitarre in sottofondo che sono più presenti ed energiche. Infine “Daisy” che fin da subito si dichiara una traccia più romantica e sognante. Quasi fosse una ballata, il pezzo è privo di ritornello ed è intermezzato da molti spaccati esclusivamente strumentali.

“12:34” è da considerare dunque come una sorta di ‘teaser’, una finestra sul futuro del gruppo che ci anticipa qualcosa su cosa verrà dopo. Si intravede già ora però qualcosa nel sound dei Suntiago che li avvicina pericolosamente ad alcuni gruppi della scena musicale italiana più commerciale (le Vibrazioni, soprattutto) e che, in una certa misura, compromette il giudizio finale sul lavoro. Nel complesso però, pur non discostandosi troppo dalla produzione nazionale di molti gruppi degli ultimi anni, riescono a stimolare comunque l’interesse necessario per assicurare un ascolto al disco di cui questo EP è il preludio.

01 Maschere
02 Suntiago
03 Daisy

Suntiago-12:34 3 - fanzine

Avatar

Autore: Nicolas Gasco

Un ragazzo in perenne conflitto con l'esterno e con qualche velleità fotografica e musicale. Conla scoperta della musica locale (dal vivo) mi si è aperto un mondo nuovo ma già da tempo seguocon interesse la scena indie internazionale. Nelle mie recensioni troverete per lo più i 'dischetti'indie rock destinati a cadere nel dimenticatoio alla scadere dell'anno ma che, quando li ritrovate inmacchina o nell'ipod, vi fanno salire il buonumore. Insomma, hominem recensiones nostrae sapiunt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.