iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Story Of Jade – The Damned Next Door (know Your Neighbors!)

“The Damned Next Door” è un disco ben prodotto, ottimamente suonato e capace di provocare un furioso headbanging (attenzione ad non esagerare !) , che magari non resterà negli annali ma che sicuramente rende onore al talento degli “Story Of Jade”

Story Of Jade – The Damned Next Door (know Your Neighbors!)

I fiorentini Story Of Jade sono una band attiva da quasi un decennio ma che solo alla fine dello scorso anno ha finalmente avuto l’opportunità di pubblicare il primo full-length.

Il quartetto toscano propone un thrash ricco di contaminazioni che vanno dall’industrial, al black fino all’heavy metal di stampo orrorifico; anche il look dei nostri si ispira ai grandi nomi del passato come Death SS, Mercyful Fate o Misfits, che sono stati gli antesignani della messa in scena del lato più macabro del metal.
Tutto ciò per fortuna non è sinonimo di poca originalità : il sound degli Story Of Jade è tanto convincente quanto risulta inedita l’idea di impersonare, da parte di ciascuno dei componenti della band, la paura rappresentata nelle diverse fasi dell’esistenza (infanzia, adolescenza, maturità, vecchiaia) .
Se dal punto di vista musicale si fa decisamente sul serio, con una proposta che mescola le ruvidezze di Testament, Metallica e Necrodeath, (vedi anche l’apparizione in C.F. Virus S01 di Flegias) con partiture più melodiche vicine a King Diamond o all’Alice Cooper di “Brutal Planet”, non mancano di certo il senso dell’humour nero e la (rara) capacità di mostrare autentico divertimento nel presentare la propria musica,
Ne sono fedele testimonianza il video di Self-Inflicted Masterpiece o un nome d’arte come Bapho Matt, scelto dal vocalist …
The Damned Next Door è un disco ben prodotto, ottimamente suonato e capace di provocare un furioso headbanging (attenzione ad non esagerare !) , che magari non resterà negli annali ma che sicuramente rende onore al talento degli Story Of Jade dimostrando , una volta di più, il confortante stato di salute del metal nostrano.

Tracklist:
1. Self-inflicted Masterpiece
2. Afterlife Confusion
3. Enemy in Me
4. H.M.K.M.
5. C.F. Virus S01
6. Confession of an Headless
7. Bloodsuckers
8. J.A.D.E.
9. Lulladie
10. New World Inquisition
11. This Bleedin’ Cage

Line-up:
Yndy T. Witch – Drums
Matt Huntzer – Guitars
A.G. – Lead Guitars
Bapho Matt – Vocals, Bass

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.