Songs The Web Taught Us Vol.7

rocnroll

Songs The Web Taught Us Vol.7

Agosto, suora mia non ti conosco. Bentornati discepoli/e (se non vi siete ancora sciolti al sole) il vostro Reverendo torna a farsi sentire con la sua rubrica, giunta al Settebello (proprio come quelli che dovreste indossare quando fate i peccatori in vacanza) quindi smettetela di essere pecorecci e ascoltate due nuove parabole tratte dal Van-gelo.

Agosto, suora mia non ti conosco.

Bentornati discepoli/e (se non vi siete ancora sciolti al sole) il vostro Reverendo torna a farsi sentire con la sua rubrica, giunta al Settebello (proprio come quelli che dovreste indossare quando fate i peccatori in vacanza) quindi smettetela di essere pecorecci e ascoltate due nuove parabole tratte dal Van-gelo.

Dal freezer santo estraiamo il primo gelato proveniente dalla sempre fresca Svezia, con un nome che è tutto un programma: si chiama KOOL & THE GANG BANGERS  che spesso si accredita anche come K.G.B.’s, come giusta provocazione nostalgica (?) soviet.

Devota alla religione della bassa fedeltà (“no fidelity punk machine” recita la loro descrizione) e dedita a un punk rock bello sparato, genuino e dritto al punto, la creatura è figlia di Vincent Suicide, già all’opera con Suicide Generation  Dead Meat e Atomic Eater  intorno al quale ruotano diversi musicisti.

Questa sorta di porto di mare-band ha partorito, nel corso dei mesi, ep e diversi singoli, e lo scorso 22 giugno ha finalmente pubblicato il suo primo album, intitolato “Feel Bad Music”, uscito per la londinese No Front Teeth Records, e composto da 16 energici brani che bruciano i nostri timpani in nemmeno mezz’ora: assimilata in pieno la lezione dei Ramones e di tutta l’urgenza che ha forgiato 45 anni di “canzoniere” del movimento punk (basta dare un’occhiata ai titoli dei pezzi: “Hate Your Guts”, “This City Sucks”, “Full Of Shit”, “I Hate The World”, la cover dei Dirts “I’m So Poor”, “Television Victim” tra gli altri).

Dategli una ascoltatina e tornerete sedicenni.

Il secondo dessert viene dal Nebraska, si chiama LUPINES e non necessariamente va servito dopo un bel pasto abbondante, ma può essere gustato a tutte le ore. Mike Friedman (voce) John Ziegler (chitarra, voce, armonica) Mike Tulis (basso) e Calvin Retzlaff (batteria) confezionano un solido garage rock dal gusto deciso e intenso.

L’ultima primizia che hanno sfornato risale al 2017 e si intitola “Eternal Wax”, sette pezzi contro il logorio della vita moderna.

Come sempre, prendete e ascoltatene tutti (se volete, spargete il verbo e acquistate anche) ché il vostro Reverendo è buono e vi assolve tutti dai vostri atti impuri. VENITE a me!

 

Tutte le puntate di SONGS THE WEB TAUGHT US

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.