iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Solacide – Waves Of Hate

Dalla sempre prolifica Finlandia arriva questo Ep dei Solacide, band che in questa occasione prova a testarsi ulteriormente prima di cimentarsi con il formato del full-length.

Solacide – Waves Of Hate

La band proveniente dalla fredda Lahti (una delle culle mondiali dello sci nordico) è attiva già da diverso tempo e non è certo un ensemble formato da ragazzini alle prime armi: Waves Of Hate (che è la riedizione dell’omonimo demo uscito nel 2006) lo dimostra ampiamente , mettendo sul piatto tre brani indicativamente catalogabili come progressive black/death, ma in ogni caso accomunati da una ragguardevole tecnica strumentale e, soprattutto, da un’intensità che non viene mai meno. La title-track, in particolare, si rivela come uno degli episodi più trascinanti ascoltati in quest’ambito musicale negli ultumi tempi, grazie ad un eccellente lavoro chitarristico che sovente va a lambire territori melodic-death.
Your Worst Enemy è forse meno immediata a livello d’impatto, ma regge ottimamente il confronto, mentre After The Fall si segnala come l’episodio meno convenzionale dei tre, grazie all’utilizzo di atmosfere pià rarefatte culminanti con l’inserimento di passaggi in clean vocals da parte del chitarrista Kimmo Korhonen, piacevole alternativa al corrosivo scream di Gökhan Korkmaz.
Completano il breve Ep due brani dal vivo, God On Fire, tratto dalla precedente uscita datata 2009 “Baptized In Disgust”, e Nothing Weak Survives, proveniente addirittura dal secondo demo della prima incarnazione della band, quando utilizzava ancora il monicker Dim Moonlight: nonostante qualche inevitabile imperfezione (che, per fortuna, non è stata rimossa o limata come troppo spesso accade) entrambe le tracce ribadiscono il potenziale dei Solacide.
L’unico dubbio residuo è relativo alla presenza in questo lavoro di un materiale che, sia pure riveduto e coretto, è comunque piuttosto datato dal punto di vista compositivo, ma è chiaro che se l’ispirazione nel frattempo non è andata smarrita, le prospettive in vista di un futuro album potrebbero essere davvero interessanti.

Tracklist:
1. Waves of Hate
2. Your Worst Enemy
3. After the Fall
4. God on Fire (live)
5. Nothing Weak Survives (live)

Line-up :
Gökhan Korkmaz – Lead Vocals
Kimmo Korhonen – Guitar, Vocals, Synth
Joonas Vanhalakka- Guitar
Sami Tikkanen – Bass
Matti Jauhola – Drums

SOLACIDE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.