iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Slobber Pup – Pole Axe

Quattro ottimi musicisti che confermano in tutto e per tutto il loro valore

Slobber Pup – Pole Axe

A due anni di distanza da “Black Aces” il letale quartetto composto da Jamie Saft, Trevor Dunn, Balazs Pandi e Mats Gustafsson (entrato al posto di Joe Morris), ritorna con i tre brani di Pole Axe. Il disco, pubblicato di nuovo per Rare Noise Records, stende al tappeto in meno di un secondo, con la sua letale commistione di organo/tastiere, basso, batteria e sassofono.

I quattro minuti di Incendiary Axe, facendo scontrare in una intensa battaglia tutti e quattro gli strumenti in una volta sola, introduce il mastodontico dilatarsi (volto a sbrogliare la matassa, per poi confondere nuovamente le idee) della sinuosa e, in fin dei conti pacata, Pole Of Combustible Memory (quasi trenta minuti di durata).
I diciassette minuti di Bring Me My Desire And Arrows To Shoot, invece, partendo da toni più angusti e vagamente opprimenti, si aprono nella seconda parte, generando inquietanti paesaggi sonori, apparentemente immensi e, tendenzialmente, lugubri.

I tre brani contenuti in questo Pole Axe, tolto il più “leggero” Incendiary Axe, coinvolgono e affascinano con le loro complesse e imprevedibili strutture. Il cambiamento da chitarra a saxofono non è assolutamente stato traumatico, anzi, il calore e l’espressività del sax, rendono questi tre brani ancora più vivi e coinvolgenti. Quattro ottimi musicisti che confermano in tutto e per tutto il loro valore.

TRACKLIST
01. Incendiary Axe
02. Pole Of Combustible Memory
03. Bring Me My Desire And Arrows To Shoot

LINE-UP
Jamie Saft
Trevor Dunn
Balazs Pandi
Mats Gustafsson

SLOBBER PUP – Facebpk

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Terramorta – Intifada

Esordio discografico per i Terramorta, gruppo grindcore metal con un tiro esagerato, un qualcosa che ti si attacca addosso come una sanguisuga e non ti molla fino alla fine.

i dannati

I Dannati

I dannati un film che esplora la convivenza tra persone diverse, il diritto di esistere e la bellezza della natura durante la guerra di secessione americana

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee