Slander – Bad Weather

Hardcore da Venezia, osse rotte, punk, violenza e tanta voglia di fare ancora dei gran poghi per gli Slander.

Slander – Bad Weather

Gli Slander sono tanti ma tanti cazzotti in faccia, una punk hardcore band da Venezia che non teme i super poghi ed i bagni di folla.

I volumi a palla della band e l’energia che riescono a produrre la si trova concentrata come dentro una valigia che sta per scoppiare dentro il loro ultimo lavoro: Bad Weather, sette tracce di pura violenza ed hardcore che strizza un po’ l’occhio al movimento nu metal degli ultimi decenni. La band, che ha già totalizzato un innumerevole numero di live tra Italia e Russia, sembra quasi non temere il confronto con altri super gruppi della scena punk hardcore. Bad Weather si presenta così come un ottimo lavoro di pura violenta maestria che inevitabilmente vi manderà all’ospedale durante un concerto o davanti lo schermo del vostro computer, mentre scuotete la testa come degli ossessi.

TRACKLIST
1) The Caveman
2) Bad Weather
3) Never Enough
4) Lamento Nero
5) No Dice!
6) Ghostsss
7) Keep Complaining

LINE-UP
Sam – Voce
Kafka – Chitarra
Teo – Chitarra
Leo – Basso
Jerk – Batteria

SLANDER – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o piĂą semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacchĂ© questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.