Skullthrone – Biomechanical Messiah

Skullthrone – Biomechanical Messiah

Bogotà, Colombia, tra le strade di una delle città più pericolose del mondo, si aggira questo spirito malefico, dal nome che è tutto un programma, Skullthrone.

Metal estremo, un’entità demoniaca che fa del black/death metal la sua arte nera, portando nel mondo il verbo satanico accompagnato da un’ayrea guerrafondaia.
Il quintetto sudamericano è al debutto sulla lunga distanza, in archivio ha solo un demo, le prime avvisaglie di una guerra portata al mondo, uscito nel 2011 (Abyssmal Hymns for Satan), confermando l’ottimo impatto del proprio sound in questo primo lavoro dal titolo Biomechanical Messiah.
Death/black di scuola est europea, in particolare influenzato dai blacksters Behemoth, è quello che il gruppo mette sul piatto e non è poco, considerato la già buona compattezza, il gran lavoro delle sei corde e buone sfuriate in blast beat della sezione ritmica.
Senza fronzoli, e con pochi attimi per riprendere fiato, veniamo inseguiti da questo oscuro mostro satanico, famelico e vorace, che inghiotte male e risputa puro odio.
Nemici dichiarati del cristianesimo, gli Skullthrone, aggrediscono con un lotto di brani assolutamente evil, il growl diabolico e le chitarre che non lasciano tregua con riff e solos che grindano sangue innocente, faranno la gioia degli amanti dei suoni oscuri e da tregenda del genere, con svariate songs che superano abbondantemente la sufficenza, per impatto e violenza.
Niente di che non sia assolutamente originale, ma un ascolto consigliato per chi aspetta con ansia i parti blasfemi di Behemoth e Vader, sicuramente ripagati dal mood satanico e brutale di Imperial Satanic Artillery, Sadism Ex Machina, Antichristian Retaliation ed Empire of the Skull.
Gli Skullthrone confermano l’ottimo livello che da anni contraddistingue l’underground dei paesi sudamericani, tane di fiere metalliche pericolosissime e dall’attitudine spiccatamente anticristiana … astenersi posers e ragazzini dai pruriti evil.

TRACKLIST
1. Imperial Satanic Artillery
2. There’s No God at All
3. Biomechanical Messiah
4. Hell’s Oblivion
5. Technomancer Revelation
6. Sadism Ex Machina
7. Antichristian Retaliation
8. Goatlust
9. Carnal
10. Empire of the Skull

LINE-UP
Marius Alhazred – Bass
Cerberus – Guitars
Goatlust – Drums
Demiurge – Vocals
Lucipagho – Vocals, Guitars

SKULLTHRONE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.