iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Secret Tape – The Secret Tape

In vista di un intero lp, acquistate questo singolo perché il giorno che saranno gli americani a dire di aver scoperto i The Secret Tape, voi potrete sempre dire che ci eravate arrivati prima di loro.

The Secret Tape – The Secret Tape

Io adoro i 7″! Hanno il sapore “antico” della mia giovinezza di quando, a vent’anni, bazzicavo (molto più di ora) i piccoli concerti con i loro banchetti pieni di quei piccoli pezzi di plastica (dicesi vinili) ricchi di magia e venduti a poche migliaia di lire (spesso prezzo imposto) e che, oggi, li si trova “offerti” a centinaia di euro per i gonzi collezionisti di feticci … scusate lo sfogo sto decisamente andando fuori tema.

E’ ovvio, quindi, che ogni volta che mi arriva un 7″ di cui parlare mi si apra letteralmente il cuore.
Se poi il dischetto in questione ha una bella copertina e contiene quattro canzoni davvero riuscite, la mia soddisfazione si fa ancor più grande.
Non si può infatti che dirne bene di questa band parmense, capace di fondere energia e melodia proponendo brani freschi e frizzanti che sanno del miglior passato ma che, al contempo, suonano attualissimi.
Sul lato A si possono ascoltare I Got You, che ricorda i Black Lips della svolta melodica, quelli per intenderci di un disco favoloso quale “Arabia Mountain”, e Mad Modern Guy, che suona invece molto più british affondando le proprie radici nel sixtes-sound degli Who e degli Small Faces, per arrivare ai migliori Oasis e Blur.
Sul lato B, invece, si trovano il garage tinto di pop di Blow, che rimanda ad una band favolosa quali i Buzzcocks, e Almighty Dollar, che a me ha ricordato i primi Strokes ma alle prese con droghe migliori.
Già vi vedo, piccoli radical-chic, arricciare il naso di fronte a nomi quali Oasis, Blur e Strokes, miseri tapini per i quali bisogna sempre citare i nomi più oscuri altrimenti non si è abbastanza cool: questi problemi li lascio a voi e alle vostre misere esistenze.
Allegato al prezioso singoletto, stampato in edizione limitata a 200 copie, troverete un mini-cd che, oltre ai quattro pezzi di cui ho parlato, contiene anche una breve intro di convincente efficacia e della durata di poco inferiore al minuto ed un pezzo finale più sinuoso che ne sa di punk-rock newyorkese anni ’70, se volete salvare il vinile potete barbarizzare questo.
In vista di un intero lp, acquistate questo singolo perché il giorno che saranno gli americani a dire di aver scoperto i The Secret Tape, voi potrete sempre dire che ci eravate arrivati prima di loro.

Tracklist:
Side A
1.I Got You
2.Mad Modern Guy
Side B
3.Blow
4.Almighty Dollar

Line-up:
Andrea Grandinetti – Vocals, Guitars
Lorenzo Belli – Guitars, Vocals
Alessandro Boschi – Bass
Massimo Bercella – Drums

THE SECRET TAPE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,