Secret Agent Headcheese – Headcheese Gets Abducted

Secret Agent Headcheese // Agente segreto TestadiFormaggio, sotto copertura e sotto effetto di psicotropo violento, quivi riprodotto ed esposto su nastro...

Secret Agent Headcheese – Headcheese Gets Abducted

Agente segreto TestadiFormaggio, sotto copertura e sotto effetto di psicotropo violento, quivi riprodotto ed esposto su nastro:

supporto retro proiettato nel futuro prossimo venturo; prova ne è il fatto che, suddetto nastro, non è registrato tra le uscite di quest’anno ma tra quelle non ancora concepite o, detto meglio, la musica c’è ma, di fatto, ancora non esiste.

Rientrando in argomento, e cioè riferendosi al contenuto del nastro, che, per il sottoscritto, fa da unico riferimento, nell’intento di documentare il passaggio, del su introdotto personaggio (di cui si sa poco o nulla, per fortuna o purtroppo) mi trovo costretto ad un resoconto con descrizione, punto per punto, del misterioso documento:

Secret Agent Headcheese: gli Emperor primo periodo, Mortiis ancora in formazione, sintetizzati come agenti psicotropi e passati alla pressa-pistola di Agente Segreto TestaDiFormaggio: non resta che una drum machine che martella, un armonia elementare cupa da mattatoio di esseri umani

-Leather Jackets/Fast Bikes: i Cramps svuotati di sensualitĂ , relegati alla sola peculiaritĂ  oscura. L’allucinazione permane senza bisogno di psicotropi, diventa parte integrante della vittima come sistema di pensiero e modus operandi. Cose che capitano

– Spoon People: melodia sghemba, chitarra arpeggiata continuamente interrotta, forse riprodotta utilizzando terminazioni nervose come corde. Melodia naif che causa crollo nervoso

-Cheapside Cowboys: echi bedroom pop da una galassia lontana: ancora melodia naif, Ariel Pink condannato alla ghigliottina, Agente Segreto TestaDiFormaggio incaricato dell’esecuzione. Sangue. Make America Grotesque Again

-Airstream 52: punk rock sghembo suonato con materiale riciclato da robot destinato ad uso domestico: Un Chaos di bolle all’uranio impoverito corrompe l’atmosfera diminuendo la percentuale di aria respirabile. Tutto precipita/situazione compromessa

-Ghouls: spauracchi dai muri, spauracchi dal soffitto, spauracchi dal pavimento: ritmo frenetico, un’eco di voce cinica implode nelle orecchie che giĂ  sanguinano neutroni, un universo si collassa.

-Return to Earth: l’operazione di Agente Segreto TestaDiFormaggio è conclusa: realtĂ  processata attraverso un trattamento VHS, osservo e registro, immagini sfocate si alternano, osservo e registro, mi ricordo un disco, twee la chiamavano, Sarah Records, a cavallo di due decenni, ’80/’90, Another Sunny Afternoon, osservo e registro, musica indie pop a bassa risoluzione, tutto adesso è a bassa risoluzione, non c’è soluzione.

In ultima fase, titoli di coda, mi accendo una sigaretta, rifletto: quella forma di espressione denominata synth punk, per quanto prodotta con strumenti elettronici (batteria elettronica, tastiera elettronica, campionatore elettronico, paranoia elettronica) sintetizza in sé linguaggi vari, ne assume la forma, ne ricodifica la cifra stilistica, crea nuova arte.

Non si guarda al futuro senza conoscere il passato.

Rapporto concluso.

Passo e chiudo.

<

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o piĂą semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacchĂ© questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.