iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Samael’s Fall – Till Now

I veneti Samael’s Fall attentano ai nostri padiglioni auricolari con un esordio all’insegna di un bieco thrash-death non privo, però, di spunti originali nonché composto e suonato con un solo intento: divertire divertendosi.

Samael’s Fall – Till Now

Obiettivo, questo, centrato in pieno : Till Now è un lavoro che non va a stravolgere le gerarchie del metal estremo, ma si lascia ascoltare e riascoltare con enorme piacere ; il suo contenuto, contraddistinto anche da un elevato tasso alcolico, si snoda fra episodi all’insegna del thrash più devoto alla tradizione (The Darkest Day, Beyond The Violence, Drunk ), altri più death oriented (Till Now, Never Say Enough) e altri ancora dotati di un’anima più melodica (Hit Me Bitch, Crucified & Nailed).
Dopo diversi ascolti non posso dire che ci sia stato un brano comunque in grado di spiccare sugli altri, in positivo (se fossi obbligato a scegliere mi prenderei comunque Bang Your Head, per il suo finale alla Metallica d’annata) o in negativo: Till Now è una tranvata che fa si apprezzare sostanzialmente più per la compattezza di squadra (sia a livello strumentale sia di tracklist) che non per i lampi di classe dei singoli.
Considerando che l’headbaging è garantito quasi per l’intera durata del lavoro (fanno eccezione l’ingannevole intro Waiting For… e il recitato in tedesco su tappeto pianistico di M. ) e che la genuinità del quartetto di Mirano è fuori discussione, non si può che applaudire questo esordio, senza nascondere comunque che diversi aspetti sono sicuramente migliorabili, impresa tutt’altro che titanica specie se i nostri, come è auspicabile, riusciranno a trovare in futuro una label in grado di valorizzarne le indubbie potenzialità.

Tracklist:
1. Waiting For…
2. The Darkest Day
3. Till Now
4. Beyond The Violence
5. Hit Me Bitch
6. Never Say Enough
7. Drunk
8. Bang Your Head
9. Warrior Line
10. M.
11. Crucified & Nailed

Line-up:
Pietro Dal Corso – Bass, Vocals
Marco Rizzo – Drums
Elia Levorato – Lead Guitars
Alessandro Bruseghin – Vocals, Guitars

SAMAEL’S FALL – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.