iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Rimfrost – Rimfrost

Un disco black metal ben prodotto, oscuro ed epico, vario nell'alternare furia black, accelerazioni, potenza thrash ed atmosfere dark

Rimfrost – Rimfrost

Gli svedesi Rimfrost non sono certo una band di primo pelo, visto che l’anno di inizio attività è il 2002 e con questo lavoro sono arrivati al terzo full length dopo A Frozen World Unknown datato 2006 e Veraldar Nagli del 2009.

Sono passati sette anni ed il trio licenzia finalmente un nuovo album omonimo, sotto l’ala della Non Serviam Records e, vista l’alta qualità della proposta, lo scorrere del tempo non è passato invano.
Un disco black metal ben prodotto, oscuro ed epico, vario nell’alternare furia black, accelerazioni, potenza thrash ed atmosfere dark, così da risultare un’opera completa sotto tutti i punti di vista.
Un approccio vicino agli Immortal era At the Heart of Winter, ma molto più progressivo (se mi si concede il termine), maturo, apparentemente leggero per i canoni del true black metal, ma solo all’apparenza, perché gli otto brani prodotti hanno in sé, ben tatuato, il male sotto forma musicale.
Suonato molto bene, l’album parte alla grande con As The Silver Curtain Closes, otto minuti di devastante black metal epico, ricco di cambi di ritmo ed atmosfere, mentre Saga North risulta più in linea con le produzioni classiche del genere.
Ottimo lo scream di Hravn, molto bravo pure con la sei corde, a tratti molto vicino al death metal melodico e prezioso il lavoro della sezione ritmica, ad opera dei due demoni Throllv alle pelli e B.C al basso.
La seconda parte dell’opera è composta da quattro piccoli capolavori di metal estremo epico oscuro e melodico, la gelida Ragnarök, una tempesta di freddo vento del nord, la corale Cold, la drammatica teatralità di Witches Hammer, arricchita da un tappeto di tastiere molto suggestivo e la conclusiva Frostlaid Skies, lunghissima suite estrema, un mid tempo che si trasforma in una cavalcata evil colma di cambi di tempo, cattiva e maligna, suggestiva ed epica, insomma, una degna conclusione per un lavoro veramente bello.
Consigliato a tutti gli amanti del black metal scandinavo, Rimfrost è un album che potrebbe stregare molti fans che fino ad ora hanno snobbato il genere, proprio per il suo innato appeal metal epico; una band da seguire e un album senza dubbi da far vostro il prima possibile.

TRACKLIST
1. As The Silver Curtain Closes
2. Saga North
3. Beyond The Mountains Of Rime
4. Dark Prophecies
5. Ragnarök
6. Cold
7. Witches Hammer
8. Frostlaid Skies

LINE-UP
Hravn – Vocals / Guitar
Throllv – Drums
B.C – Bass

RIMFROST – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta