iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : REDD KROSS – S/T

REDD KROSS – S/T

Uno degli album più gradevoli e interessanti da mettere su per rinfrescare i sensi e l’anima in questa ennesima estate frivola, anonima e insulsamente torrida, questo pantagruelico comeback omonimo dei pesi massimi della scena power pop mondiale, nonché uno dei tesori meglio conservati nello scrigno dell’alternative rock, i losangelini Redd Kross, che non si sono affatto risparmiati e hanno infilato ben diciotto brani in quello che è il loro ottavo long playing complessivo, uscito su In The Red alla fine del mese scorso, e arrivato in un 2024 che segna un traguardo notevole per i fratelli Steven e Jeff McDonald, quello dei quarantacinque anni di esistenza musicale (tra lutti, side projects, pause e reunion) che vengono celebrati anche con la pubblicazione di una nuova biografia e di un rockumentary sul gruppo.

I McDonald brothers, infatti, hanno mosso i primi passi nel 1979 (ancora adolescenti, Steve aveva addirittura tredici anni ai tempi dell’uscita del loro primo Ep omonimo!) facendosi le ossa all’interno della scena HC punk californiana (aprendo i concerti per gente come i Black Flag) per poi virare verso un sound più melodico e smussato dei suoi angoli più rozzi e sgraziati, perfezionando una formula che poi avrebbe fatto scuola e ispirato le band della scena indie/alternative statunitense (si sapeva per certo che fossero adorati da Kurt Cobain, passando per i Sonic Youth e fino ad arrivare ai più recenti Lemon Twigs) grazie a dischi come “Neurotica“, “Third Eye” e “Phaseshifter“.

Redd Kross” è un (doppio) Lp prodotto da Josh Klinghoffer (ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, tra le altre attività) dichiaratamente ispirato ai Beatles (e al mastodontico documentario di Peter Jackson incentrato su di loro, “Get Back“, che ha fornito tanti spunti ai due fratelli) sia nell’artwork, che si richiama – anche se con un colore diverso – a quello del “White Album” dei colossi di Liverpool, sia a livello sonoro, essendo i quattro scarafaggi inglesi, da sempre, tra le influenze principali del combo californiano (insieme al punk rock degli esordi e a un pizzico di glam rock) e che, di fatto, rende quest’opera il “Red album” dei nostri, essendo ogni solco impregnato della lezione dei Beatles (e sempre con un cantato che si avvicina pericolosamente a quello di John Lennon) in tutte le loro varianti: pop/rock (“Terrible band“, “Back of the cave“, “Too good to be true“, “The shaman’s disappearing robe“) freak/merseybeat (“What’s in it for you?“, “I’ll take your word for it“, “Stuff“) psichedelica (“Good times propaganda band“) riletta ed elettricamente shakerata nel consueto stile power pop vigoroso e catchy del duo (come sempre con Jeff alla voce e chitarra e Steven al basso e voce, coadiuvati da Jason Shapiro alla chitarra/voce e, per l’occasione, dal succitato Klinghoffer alla batteria in sostituzione di Dale Crover) per un’ora di durata in cui, però, difficilmente ci si annoia e/o si è assaliti dalla voglia di “skippare” i pezzi: dall’energico singolone apripista “Candy coloured catastrophe” e momenti più duri (“Stunt queen“, “Canción enojada“, “Simple magic“, “Lay down and die“, “Emanuelle insane“) alle ballad anfetaminizzate (“The main attraction“, “Way too happy“, “The witches’ stand“) il piatto è ricco di ottime armonie e chitarre che, a seconda dei casi, sanno ruggire o addolcirsi, col viaggio che si conclude con l’anthemica “Born innocent” che riassume tutta la loro avventura musicale e umana caratterizzata da una attitudine ironica e scanzonata.

Badass record, guys!

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

STREBLA – ANNEGARE

E’ un vero e proprio calcio nei denti questo “Annegare“, secondo album degli Strebla, quartetto di stanza a Bari (Nicola Ditolve alla chitarra e voce; Alessandro Francabandiera al synth e noise box, Ottavia Farchi al basso – ma recentemente sostituita – e Manuel Alboreto alla

LIZ LAMERE – ONE NEVER KNOWS

Avvocatessa, boxeur, manager, producer, amante dell’arte ma anche, e soprattutto, musicista, collaboratrice artistica e compagna (e poi vedova) di Alan Vega: tutto questo è Elizabeth “Liz” Lamere, per quasi un trentennio partner in crime del compianto visual artist e frontman newyorchese – mente del pioneristico

Thurston Moore, a settembre il nuovo album

E’ prevista per il 20 settembre la pubblicazione del nuovo album di Thurston Moore, che si intitolerà “Flow critical lucidity” e uscirà su Daydream Library Series, house label della community Ecstatic Peace Library, fondata dallo stesso Moore insieme alla compagna Eva Prinz. Per il prolifico

X, nuovo album e tour d’addio

Gli X, seminale punk band californiana, hanno terminato i lavori di realizzazione del nuovo album, che si intitola “Smoke & Fiction” e uscirà il 2 agosto su Fat Possum Records. Per l’ensemble losangelino, tra i più importanti prime mover della scena punk rock statunitense, guidato