iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Raze – Mankind’s Heritage

L'album letteralmente vi rivolterà come calzini, una centrifuga thrash metal di una lavatrice impazzita, cavalcate metalliche alla velocità della luce, riff, chorus e solos che entrano in testa al primo colpo

Raze – Mankind’s Heritage

Ecco che, come un fulmine a ciel sereno, arriva in zona Cesarini ( modo di dire preso in prestito dal mondo pallonaro) in questi ultimi scampi del tanto dannato 2015, l’album thrash che ti fa saltare sulla sedia come in preda ad un attacco di formiche rosse, un perfetto e devastante esempio di metal made in bay area, esaltante, come solo il vecchio thrash sa essere, quando è suonato così bene e composto da brani trascinanti ed in your face, come quelli composti dagli spagnoli Raze e che vanno a formare il loro debutto Mankind’s Heritage.

Il quartetto di thrashers provenienti dalla terra dei tori, nasce nel 2007 ed all’attivo ha un solo ep, uscito nel 2011, la Suspiria Records lo ha preso per le corna, così che Mankind’s Heritage esce sotto la sua ala.
L’album letteralmente vi rivolterà come calzini, una centrifuga thrash metal di una lavatrice impazzita, cavalcate metalliche alla velocità della luce, riff, chorus e solos che entrano in testa al primo colpo, non una ritmica che non abbia un appeal esagerato e vocals che sono prese dai dieci comandamenti del come si suona il genere, specialmente se ci si rivolge agli States e alla scena classica.
Bad News è un pugno a tradimento in pieno stomaco, il respiro si blocca, gli occhi lacrimano e non ci si riprende, anche perché arriva come un bolide L.O.B. a darci il colpo di grazia.
Questi quattro ragazzi fanno male, le due asce spingono a tavoletta ( Marcos e David ) e la sezione ritmica è un treno che corre irrefrenabile su binari metallici che prendono fuoco al passaggio del gruppo (Macaco al basso protagonista di una prova da urlo al microfono e Sebas alle pelli).
Raze The Earth e The Church Is On Fire sono spettacolari songs da cantare a squarciagola sotto il palco, presi per le palle da questi quattro indiavolati sacerdoti del thrash metal, che lasciano alla conclusiva Streets Of Wickedness il compito di darci il colpo di grazia, sette minuti di metallo old school che esplode nelle teste ormai sanguinanti .
Volete dei nomi? Death Angel, Annihilator e primi Testament, vi basta?

TRACKLIST
1. Bad News
2. L.O.B.
3. Evil Waits
4. The Siege
5. Raze the Earth
6. The Church Is on Fire
7. Do You Wanna Die?
8. Streets of Wickedness

LINE-UP
Macaco – Bass, Vocals
Sebas – Drums
Marcos – Guitars
David – Guitars

RAZE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta