Rammstein Zeit – Universal Music – 2022

Rammstein Zeit – Universal Music – 2022

Torna uno dei gruppi che hanno maggiormente segnato la musica e l’immaginario degli ultimi trenta anni, i tedeschi Rammstein con il loro nuovo album Zeit. La nuova fatica dei tedeschi è un’opera molto profonda, oscura e che va interpretata ascoltando la musica e leggendo i testi, cosa non scontata di questi tempi, dove tutto pare slegato dalla sua essenza e anche dal suo significato. Questo ottavo album in studio è in una certa misura il sunto di tutta una  carriera e della loro poetica, e qui si va in profondità, ci si immerge in un mare gelido ed agitato.

Musicalmente i Rammstein continuano un’evoluzione molto particolare, introducendo elementi classici ed orchestrali come mai hanno fatto nella loro discografia,  ma è al contempo anche un disco con tantissima elettronica e chitarre distorte nel migliore stile Rammstein. Zeit è tante cose, è letteralmente il tempo, ma è anche una monolite da scalare, una pianura ghiacciata o il fuoco della lascivia e della lussuria come solo i sei tedeschi sanno fare.

Ogni canzone rappresenta una faccia della medaglia, un aspetto da sviscerare e da vivere con loro. Apre l’album l’epica Armee der Tristen un affresco in movimento molto vivido, una dichiarazione di intenti marziale e con tastiere ariose e che sanno richiudersi sull’ascoltatore al momento giusto, con ottime aperture melodiche nella voce.

Segue la maestosa e meravigliosa Zeit, già scelta come singolo e come video che supera in bellezza e complessità la visione di Deutschland Uber Alles del precedente disco omonimo. Zeit è forse la canzone più bella dell’intera carriera dei Rammstein, racchiude in sé tutto ciò che sanno fare e quanto sanno dare , è drammatica, maestosa e con un testo che è di una bellezza sconcertante, parla della morte e della vita in un’ottica inusuale che si può in parte ritrovare nell’altrettanto tedesca serie tv “Dark “, anche se qui la morte e la vita si fondono e si dividono continuamente in una tensione musicale perfetta, sembra davvero la canzone di un’altra dimensione, con un bellissimo uso del coro.

A seguire un’altra perla Schwarz che riesce a tenere benissimo il confronto con il mostro precedente grazie ad una sapiente combinazione fra chitarre abrasive e melodia del cantato. Segue Giftig, in italiano tossico, che alza il ritmo e comincia l’incendio con il primo momento apertamente elettronico e un ritornello che diventerà sicuramente un momento centrale dei loro concerti. Zick Zack è una delle canzoni più peculiari mai scritte dai Rammstein, il secondo singolo del disco e secondo bellissimo video. La canzone è sulla chirurgia estetica affrontata in modalità Rammstein e con un ritornello che ha delle tastiere italo disco a chi non si può resistere per una canzone il cui testo è un capolavoro e che va tradotto assolutamente perché è qualcosa che dovrebbe essere studiato nelle scuole, essendo un attacco giusto e mirato a un’esagerazione delle nostra era e non solo perché è qualcosa che è sito nel nostro subconscio.

Ok è un classico pezzo da corsa in stile Rammstein, qualche suo elemento si è potuto sentire nei dischi precedenti, ma qui è rielaborato in maniera diversa, a testimonianza del mutamento che stanno imprimendo i Rammstein al loro suono, con una maggiore ricchezza di dettagli e di pienezza totale. Mein Tranen è una riflessione, un momento di calma e di introspezione in mezzo ai battiti accelerati e alla carne, un soffio di spirito, molto melodica e malinconica,addirittura sognante.

Angst significa paura o ansia a seconda del contesto, e proprio tale sentimento viene evocato molto bene dalla performance dei Rammstein in questa canzone che vola radente senza mai librarsi nell’aere ma rimane ben attaccata ai nostri polmoni e ali nostro stomaco come l’ansia appunto, classico ottimo mid tempo Rammstein.

La seguente Dicke Titten è uno dei pezzi particolari che hanno reso famosi i sei germanici, strano accattivante e sensuale, con una sezione fiati che sembra uscire da un allucinato porno tedesco anni cinquanta, con un bellissimo ritornello. La penultima Lugen è un entrare in un altro mondo, sbirciando da un buco della serratura posto molto in alto, dove c’è tanto vento, dove tutti mentono e non si capisce da che parte si debba guardare, e se non ci fosse una parte dove guardare; il pezzo illustra molto bene la svolta moderna dei Rammstein, e viene addirittura usato l’autotune in maniera ironica, scherzando del mainstream attuale.

A chiudere questo viaggio c’è Adieu e torniamo dalle parti di Zeit, essendo alla fine del tempo concessoci insieme ai Rammstein, e si chiude con il botto, essendo la canzone che chiuderò molti concerti a venire del gruppo. Magnifica, terribilmente triste e molto potente, i sei lasciano il loro pubblico con il botto ed è un gran bel scomparire.

Sarebbe facile e scontato dire che Zeit è il migliore album dei Rammstein, e forse lo è davvero grazie alla sua fortissima immaginazione, ai suoi testi pazzeschi e alla sua ricchezza musicale  e anche con una produzione sontuosa, ma lo stesso Zeit va oltre, portando i Rammstein e i loro ascoltatori ad un livello successivo, più a fondo nei nostri inferni e più in alto nei nostri cieli, perché nei Rammstein ci sono moltissime cose, e Zeit ce le mostra tutte, molto più di prima, e non è ancora arrivato il momento di smettere, pensando che questo album non doveva nemmeno uscire se non fosse stato per la pausa dettata dalla pandemia.

A confezionare il tutto la bellissima copertina di Bryan Adams, sì proprio lui.

Rammstein Zeit

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.