Proton Packs – Parodox

Proton Packs – Parodox

Proton Packs - Parodox 1 - fanzine Ciò che fa di un buon disco un ottimo disco sta nel fatto che tutte le canzoni in esso contenute siano di grande livello senza che nessuna risulti un riempitivo. Ed è proprio per questa ragione che Paradox appartiene alla seconda categoria. Risultato per altro ottenuto dal quartetto senese mettendo parecchia carne al fuoco visto che sono ben quattordici i brani (peraltro mai più lunghi di tre minuti) che compongono questo loro album.

Le influenze della band – ovviamente a parere chi scrive – sono principalmente i Bad Religion ed in second’ordine i Down by Law ed i Pegboy e, volendo andare un po’ a ritroso negli anni, i Dag Nasty. E citando la band di Brett Gurewitz e compagni pongo certamente un bel metro di misura in quanto si tratta della band regina nel saper coniugare il punk con una certa dose di epicità e parossistico lirismo.

Compito con il quale per molti è assai arduo confrontarsi e con il quale la maggior parte ne esce solitamente con le ossa rotte. Non è questo il caso dei Proton Packs capaci di misurarsi con cotanti titani ottenendo apprezzabilissimi risultati. Il disco si apre con due brani assolutamente anthemici come Retrofuture e Man with the Eyepacth che chiariscono subito l’alto lignaggio dei nostri.

Ma anche quando i pezzi sono costruiti con giri più tradizionalmente rock’n’roll come in Enigma Machine, Lucy in the Sky with Diagrams e Deadly Eye i ragazzi toscani ne escono facilmente vincitori.

Una citazione d’obbligo va anche a 802701 una canzone praticamente perfetta grazie alla sua concisione ed alla sua pressoché istantanea capacità di essere memorizzata, a Business As Unusual il cui lavoro di tastiere garantisce la succitata epicità e sopratutto Tentacle!, il mio pezzo preferito, uno di cui brani che in pochi sanno scrivere.

La perizia strumentale della band e l’ottima impostazione del cantato fanno il reso e rendono Paradox un disco che gira e girerà parecchio nel mio lettore; fatevi un regalo facendo altrettanto con il vostro.

Track List
1) Retrofuture,
2) Man with the Eyepatch,
3) Mystery Zone,
4) Enigna Machine,
5) Lucy in the Sky with Diagrams,
6) 802701,
7) Tentacle!,
8) Paradox,
9) Three Holes in my Head,
10) Beware of the Spiral Shape,
11) Business As Unusual,
12) Parallel Guy,
13) Deadly Eye,
14) Continuum

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.