iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Polar For The Masses – Fuori

In confronto a tanti gruppi indie, i Polar For The Masses hanno un tiro molto più potente ed incisivo, offrendo diverse soluzioni per uno svago musicale intelligente.

Polar For The Masses – Fuori

Sesto disco per dieci anni giusti giusti di carriera per i Polar For The Masses che hanno avuto un interessante percorso.

Fondati a Vicenza nel 2006, dopo tre dischi in inglese decidono di passare all’italiano, incidendo Italico, trovando un ottima formula di rock variegato e nervoso, tra l’arrabbiato e il cantautorale, tutto molto ben fatto. Il loro suono è un rock punkeggiante, a volte con elementi math e noise, ma che trova anche aperture acustiche. La loro giusta dimensione è dal vivo, ma dal disco si può comunque assaporare molto. In confronto a tanti gruppi indie, i Polar For The Masses hanno un tiro molto più potente ed incisivo, offrendo diverse soluzioni per uno svago musicale intelligente. Il disco è stato registrato in maniera analogica e mixato da Luca Tacconi al Sotto Il Mare Studio, riuscendo a catturare molto bene l’energia del gruppo. Un disco maturo e forte, ben suonato e ben composto.

TRACKLIST
1- Il mio complice
2- Un’abile tattica
3- Un dono solenne
4- Gli anni della cuspide
5- La buona sorte di Piero
6- Marinai
7- Putiferio
8- Un cane normale

LINE-UP
Simone Pass – Voice and Guitar
Alessandro Lupatin – Drums and Voice
Davide Dalla Pria – Bass and Voice.

POLAR FOR THE MASSES – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.