iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Pizza Reggae 13

Per questa puntata del podcast reggae di In Your Eyes abbiamo un ospite davvero speciale, Davide Cedolin, ovvero uno dei Japanese Gum, ovvero Lessismore, ovvero Garage 1517.

Pizza Reggae 13

Per questa puntata del podcast reggae di In Your Eyes abbiamo un ospite davvero speciale, Davide Cedolin, ovvero uno dei Japanese Gum, ovvero Lessismore, ovvero Garage 1517. A parte essere fin dai suoi primi passi un complice di In Your Eyes, Davide è un musicista versatile, un ragazzo dolce e soprattutto un intenditore sopraffino di dub. Questa selezione fatta in esclusiva per la nostra webzine è un fantastico viaggio oltre il dub.

Mettetevi comodi, light a spliff and enjoy.
Con estremo piacere, Japanese Gum ai controlli !!!

  1. Dennis Brown – Make It Easy On Yourself
  2. Dennis Brown – My Brethren (Version)
  3. Scientist – Beam Down
  4. King Tubby – The Poor Barber
  5. Sun Araw, M. Geddes Gengras, & The Congos – Sunshine
  6. Peaking Lights – Cosmick Dub
  7. Augustus Pablo – 555 Dub St.
  8. Dub Specialist – Rastaman Version
  9. Linton Kwesi Johnson – My Long Day
  10. Gala Drop – Dabum
  11. Horace Andy – Serious Dub [UK 12” Mix] (Bullwackies All Stars)

Pizza reggae 13 by In Your Eyes Ezine on Mixcloud

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?