Parasit – A Proud Tradition Of Stupidity

Bel disco e discreta mazzata.

Parasit – A Proud Tradition Of Stupidity

Potente botta d-beat crust punk hardcore, per questo gruppo svedese. I Parasit sono nati nell’inverno tra il 2010 ed il 20111, da tre membri degli Uncurbed, raggiunti poi da membri di altri gruppi.

Proprio l’appartenere anche ad altri gruppi è stato fino ad ora l’impedimento più grande per suonare in giro, ed è un peccato perché i Parasit sono una bella forza. Il loro suono è molto potente e tirato, prodotto molto bene e strizza l’occhio ad una certa corrente di d-beat hardcore che ha in sé qualcosa di metallico, e che ha il suo riferimento nei Motorhead per intenderci. Il cantare in svedese è il risultato di una lunga tradizione punk hardcore svedese che ha avuto grandi nomi, ma che nel prosieguo non ha perso al qualità come testimoniano i Parasit. Bel disco e discreta mazzata. Da segnalare che l’album precedente è in free download sul loro bandcamp.

TRACKLIST
1.Den Enes Bröd
2.After Work Bars
3.At Whatever Cost 02:07
4.Money Slave
5.O Heliga Marknad 02:15
6.War
7.Hur Svårt Kan Det Va?
8.The Market Sets
9.A Proud Tradition Of Stupidity
10.There´s No Tomorrow
11.Sanningen Ska Fram
12.En Vilsen Själ
13.Till Sista Kugg
14.No Honour – No glory
15.Lita PÃ¥ Det!
16.It’s Never Too Late
17.Never Adapt (LP-Bonustrack)

LINE-UP
Simon – Vocals
Gunken – Guitar
KK Wiklund – Guitar
Daniel – Bass
Jonken – Drums

PARASIT – facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.