iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Oniromantic – The White Disease

I milanesi Oniromantic si affacciano sulla scena con questo album autoprodotto, che si rivela di piacevole ascolto e ricco di spunti interessanti.

Oniromantic – The White Disease

I milanesi Oniromantic si affacciano sulla scena con questo album autoprodotto, che si rivela di piacevole ascolto e ricco di spunti interessanti.

Il monicker farebbe immaginare una band dedita a un genere come il gothic e così è, ma solo parzialmente, a causa del persistere in chi ha composto il lavoro, di un retaggio power che si manifesta ancora in maniera piuttosto evidente.
Saturn’s Hellucination apre l’album con un bel piglio, grazie ad atmosfere che, anche se alla lontana, potrebbero richiamare alla mente gli ultimi Amorphis, se non fosse per gli (ottimi) assoli di stampo classico; davvero un brano di buon livello, con un refrain coinvolgente pur senza essere ruffiano.
High Resolution God è un altro episodio che mostra al suo interno svariate sfaccettature, ricordando, a seconda dei passaggi, Sentenced, Stygma IV (sottovalutata band austriaca dello scorso decennio) e Rage, fondendo in maniera abbastanza efficace tutti questi elementi.
Crimson è forse la traccia nella quale la componente gothic prende maggiormente il sopravento, aiutata in questo caso dalla presenza di una bella voce femminile, mentre Windowpane possiede elementi in qualche modo accostabili ai Paradise Lost più melodici.
Detto della title-track, delicato intermezzo acustico, Thin Ice lascia finalmente sfogare l’anima heavy metal della band milanese con risultati comunque apprezzabili, mentre gli ultimi due brani, sia pure non privi di buoni spunti, si mostrano un po’ meno incisivi.
Nel complesso il disco degli Oniromantic merita la dovuta attenzione e il fatto di unire sonorità più oscure alle aperture melodiche del metal classico è un’idea condivisibile (in qualche modo simile a quanto fatto in maniera eccellente da un’altra band nostrana, i Lykaion); tutti i brani si lasciano ascoltare senza eccessiva fatica e, per assurdo, il rischio è quello opposto, cioè che alla lunga possano perdere incisività.
Da quanto si è potuto sapere, questo lavoro ha avuto una gestazione piuttosto lunga e travagliata, per cui il sound che lo caratterizza non dovrebbe essere del tutto rappresentativo dell’attuale indirizzo stilistico dei nostri. Infatti, sempre rifacendoci alle dichiarazioni della band, pare che sia già pronta una serie di brani dal mood più oscuro rispetto a quelli presenti su The White Disease e questo non può che essere visto con favore da chi, come il sottoscritto, predilige nella musica i toni cupi e introspettivi.

Tracklist :
1. Saturn’s Hellucination
2. High Resolution God
3. Crimson
4. Windowpane
5. The White Disease
6. Thin Ice
7. The Darkside of Life
8. Banished from Heaven 0

Line-up :
Elia Fagnani – Bass
Mattia Sciutti  -Drums
Andy Soresina – Guitars
Silvano Bianchi – Guitars
Mauro Mazzara – Vocals

 

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.