Nomotion – Little Death

Nomotion – Little Death

Seconda prova su lunga distanza per questo grande gruppo italiano di southern gothic, loro si auto definiscono così ma in realtà sono molto di più.

Il loro suono è in bilico tra rock, psychobilly, gothic e rock and roll americano delle origini, con un cantato che si avvicina molto a Nick 13 dei Tiger Army, un gruppo fantastico ingiustamente dimenticato.
Il disco è un cerchio magico di rock, blues, dolore, bellissima malinconia e voglia di scavare fra le macerie, facendo musica assolutamente fuori dalle mode.
L’esperienza di un gruppo come i Nomotion è di stretta osservanza underground, ma nel loro caso non è assolutamente un limite, poiché solo una nicchia può apprezzare questi fantastici suoni, non sono fatti per tutti.
Stupisce il grande tiro rockabilly del gruppo, che viene declinato in molte accezioni, trovando sempre un colore nuovo nella tavolozza.
Little Death è un pretesto per ascoltare musica eccellente e per guardarsi dentro, o per vedere meglio ciò che sta fuori da noi, per capire meglio il peso della nostra vita, per immergerci in un’atmosfera volutamente gotica e fuori moda, vicino alle nostre pulsioni, lontano dalle finzioni.
Lasciatevi prendere per mano da Jon Bergman, il grande singer di questo gruppo, vi porterà in un labirinto dal quale non potrete più fortunatamente uscire.

Tracklist:
1. Two Ghosts
2. The Little Death
3. Dying Stars Collapsing
4. Torture By Ravens
5. Sleep Talker
6. Berlin After War

Line-up:
Jonny Bergman – Voce e Chitarra
Eros Piani – Chitarra
Andrea De Colle – Piano, Hammond , Accordion
Alessio De Colle – Basso
Lorenzo Della Rovere – Batteria

NOMOTION – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati