iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Nervecide – Impermanence

Giorgio Benedetti, ex chitarrista dei Cadaveric Crematorium, si mette in proprio con questa sua creatura denominata Nervecide, che riprende la matrice estrema del musicista bresciano mediandola con pulsioni elettroniche ed ambient.

Nervecide – Impermanence

Impermanence è un lavoro dai diversi volti, capace di alternare brani improntati a un feroce grind, a momenti ambient, per arrivare all’aulico lirismo di Infinito.
Evidentemente quest’alternanza di stili potrebbe risultare spiazzante, ma va detto che in molti degli aspetti mostrati i Nervecide mantengono sempre in primo piano il loro lato sperimentale, anche quando la proposta assume le sembianze del death più brutale.
Dopo un’introduzione dai tratti inquietanti, se Fractal Flood esplode nelle casse con tutta la sua furia che riporta direttamente ai migliori Brutal Truth, Fleshover fa ancora meno sconti massacrando impietosamente i padiglioni auricolari e lo stesso dicasi per Fracturing Impulse e per la prima parte della title-track; Impermanence pt.02, invece, placa l’assalto sonoro con le sue atmosfere liquide prima che The Omnivore e Introvert Autopsy (in zona Nile) riprendano impietosamente a macinare riff, sui quali si staglia come sempre il growl efferato di Giorgio.
The Thirst That Never Subsides è caratterizzata da inserti acustici che, di fattto, introducono Infinito, che altro non è se non la recitazione della nota poesia leopardiana appoggiata su un tappeto ambient noise.
Indubbiamente Giorgio Benedetti piazza un colpo interessante, ponendosi all’attenzione degli appassionati di sonorità estreme con un album di assoluto rilievo che, si spera, sia solo il primo di una lunga serie per i suoi Nervecide.

Tracklist :
1.Of Subterranean Raptur
2.Fractal Flood
3.Flashover
4.Fracturing Impulse
5.Impermanence pt.01
6.Impermanence pt.02
7.The Omnivore
8.Introvert Autopsy
9.The Thirst That Never Subsides
10.Infinito

Line-up :
Giorgio Benedetti – All Instruments, Vocals

NERVECIDE – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico