iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Munruthel – The Dark Saga

Ovviamente questa è musica che, per essere apprezzata, va ascoltata con l’opportuna predisposizione mentale e in una situazione ambientale appropriata

Munruthel – The Dark Saga

Riuscire a decontestualizzare una colonna sonora dalle immagini alle quali si associa è un esercizio di per sé piuttosto complesso, figuriamoci quando i personaggi e le ambientazioni non fanno parte di un film ma di un videogame.

Il gioco in questione è “Gothic II : Dark Saga Addon” che, a detta degli esperti (dei quali non fa parte il sottoscritto …), è tra i prodotti più famosi del settore.
Nonostante tali premesse possano far presagire un esperimento non riuscito, al contrario l’opera di Munruthel, nome d’arte di Vladislav Redkin, noto nella scena metal ucraina per essere stato il batterista della band black metal Nokturnal Mortum, riesce a conquistarsi vita propria grazie alle atmosfere gotiche che vengono evocate tramite un ambient atmosferico dalle tinte oscure .
Frequentemente le melodie create ci conducono in lidi prossimi ai primi lavori di Mortiis o del Burzum più tastieristico, però scremati della loro componente marziale e funerea, per lasciare spazio invece a momenti malinconici alternati ad altri più folk o epicheggianti, assecondando in questa maniera le diverse fasi del gioco.
Ovviamente questa è musica che, per essere apprezzata, va ascoltata con l’opportuna predisposizione mentale e in una situazione ambientale appropriata (per esempio una condizione di estremo relax in una stanza poco illuminata).
Personalmente ritengo che valga la pena di prestare a questo lavoro l’attenzione che merita, provando a ignorare lo scopo per il quale è stato composto ; riuscendo in questo intento se ne potrebbero ricavare soddisfazioni inattese.

Tracklist:
1. Main Theme
2. The Thick Wood
3. …and the Story has Begun
4. In Those Times when Earth was Breathing
5. The Huntsmen’s Camp
6. The Old Fort
7. The Graveyard
8. The Temple of the Skull
9. The Pirates’ Bay
10. The Orks’ Lair
11. The Ancient Ruins
12. The Deathland
13. Drums of Doom

Line-up:
Munruthel – All Instruments

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.