iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mortal Peril – The Legacy Of War

The Legacy Of War è un buon lavoro, sicuramente consigliato agli amanti del thrash old school

Mortal Peril – The Legacy Of War

Secondo lavoro per i thrashers tedeschi Mortal Peril, band fondata dal batterista Jonas Linnartz e dal bassista/cantante Jan Radermacher nel 2010 e raggiunti due anni dopo da Pete Rode e Mr. Greene che formano la coppia di asce in forza alla band.

The Legacy Of War è il successore del primo lavoro sulla lunga distanza, Walking on Hellish Trails uscito lo scorso anno, rigorosamente autoprodotto.
Il gruppo di Colonia a discapito delle origini, propone un thrash metal old school molto più statunitense che europeo, le linee melodiche sempre ben presenti ed una buona alternanza tra parti veloci e mid tempo, danno una sufficiente varietà al sound di The Legacy Of War che risulta nella sua chiara ispirazione alla vecchia scuola un album ben fatto.
Un ascolto interessante nel quale viene data molta importanza alle melodie, sottolineate dai solos delle sei corde a tratti ispirate al metal classico, mentre la voce è perfettamente inquadrata nella tradizione thrash metal del nuovo continente.
Non perdono tempo i Mortal Peril, e Generation Hate apre le ostilità con un thrash metal serrato e aggressivo risultando una cavalcata di genere congeniata a dovere.
Gladiator cambia leggermente registro e si attesta su un mid tempo granitico, dove il gruppo inserisce una serie di solos melodici ed heavy e la song così risulta una delle migliori di tutto il lavoro, bissata dalle ottime Air Attack che conquista con azzeccate frenate e ripartenze velocissime, War In Hell aperta da un giro di chitarra acustico in stile four horsemen, e la conclusiva title track, brano furioso valorizzato dal sempre ottimo lavoro chitarristico in un crescendo metallico di buona presa.
The Legacy Of War è un buon lavoro, sicuramente consigliato agli amanti del thrash old school, il sound è un valido compromesso tra Metallica, Exodus, Death Angel ed una vena heavy metal che affiora negli ottimi assoli che lo caratterizzano.

TRACKLIST
1. Generation Hate
2. Gladiator
3. Psychotic
4. Air Attack
5. War Is Hell
6. Seed of Hell
7. Creeping Apocalypse
8. Machete
9. Legacy of War

LINE-UP
Jan Radermacher – Bass,Vocals
Jonas Linnartz – Drums
Mr. Greene – Guitar
Pete Rode – Guitar

MORTAL PERIL – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta