iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mandibula – Sacrificial Metal Of Death

Mandibula ci scaraventa nella macchina del tempo riportandoci indietro, a cavallo tra anni ’80 e ’90, proponendoci un black-thrash primordiale dai suoni scarni, dalle vocals sgraziate e dalla forte componente esoterica

Mandibula – Sacrificial Metal Of Death

Sacrificial Metal Of Death è la riedizione in formato cd, curata dalla Ethereal Sound Works, dell’omonimo demo uscito nel 2010 a firma della misteriosa one-man band portoghese Mandibula.

Questo è il classico lavoro che colloca il recensore nella scomoda posizione di trovarsi a dover giudicare un album che, ad ascolti alterni, può apparire sia una trovata geniale che un’enorme presa per i fondelli.
Mandibula ci scaraventa nella macchina del tempo riportandoci indietro, a cavallo tra anni ’80 e ’90, proponendoci un black-thrash primordiale dai suoni scarni, dalle vocals sgraziate e dalla forte componente esoterica; l’operazione in qualche modo ci ricorda quanto fatto dai nostri Nerocapra in ambito death e a mio avviso l’esito è piuttosto simile.
Una certa insofferenza derivante dall’ascolto di produzioni plastificate in ambito estremo, sicuramente può predisporre ad accogliere con favore chi intenda riscoprire l’essenza della musica che amiamo, ma è evidente che avrà ragione da vendere, a seconda del proprio punto di vista, sia chi considererà Sacrificial …  come un’imperdibile rievocazione di sonorità andate pressoché perdute, sia chi riterrà che l’unica funzione appropriata di questo cd sia quella di fungere da sottobicchiere.
Oggettivamente, si può dare torto a chi afferma che questo disco sembra suonato dentro una cantina da qualcuno che lì è stato segregato subito dopo l’uscita di “To Mega Therion”, che le percussioni affidate a una drum machine sono impostate in maniera minimale o che la reiterazione delle parti strumentali serve solo a nascondere la carenza di creatività?
D’altra parte, proprio la ripetitività ossessiva dei riff, congiuntamente a ritmi spesso adagiati su malefici mid-tempo o asfissianti rallentamenti doom e al vocione declamante misteriosi testi in lingua madre, costituiscono un insieme piacevolmente alienante e ci si ritrova a chiedersi per quale strano sortilegio una musica così elementare nella sua struttura e nella sua esecuzione riesca ugualmente a trasmettere sensazioni sorprendentemente positive.
Insomma, ascoltare quest’album è un po’ come ritrovarsi a guidare un’auto di trent’anni fa, senza servosterzo, senza servofreno, ringraziando i propri dei d’avere almeno il volante e i sedili, con al posto del lettore cd un’autoradio scassata con la cassetta che due volte su tre si inceppa e, in caso di dubbio sulla strada da percorrere, al posto del navigatore doversi accontentare di fermarsi, tirare giù il finestrino (con la manovella) sperando che gli interlocutori siano ben disposti.
Qualcosa di dannatamente anacronistico e, direte voi, a pensarci bene neppure troppo da rimpiangere.
Ma sapete una cosa ? Io, invece, un bel viaggetto con la mia vecchia Renault 4 (compresa autoradio con mangianastri e cassetta dei Mandibula) tutto sommato anche oggi me lo farei proprio volentieri …

Tracklist :
1. Intro
2. Cães da Morte
3. Negros Cascos sobre o Trono da Terra
4. Flagelação
5. O Carrasco
6. Rios de Sangue
7. Arauto da Dor
8. Coroa Negra dos Infernos
9. Orgia no Necroterio

Line-up :
Mandibula – Guitars, Bass, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico