Luciano Cafagna La grande slavina

Luciano Cafagna La grande slavina 1 - fanzine

Luciano Cafagna La grande slavina

Condividi:
Share

La grande slavina che sta per travolgere senza pietà la democrazia in Italia, questa è l’immagine che offre Luciano Cafagna per descrivere la situazione del nostro paese all’inizio degli anni novanta.

Mi sembra doveroso sottolineare che questo libro è stato scritto nel novantatre appena prima della discesa in campo del nano brianzolo, quindi con una lungimiranza e una lucidità degne di encomio.
Sarebbe troppo semplice pensare che la politica in Italia è entrata in crisi con Berlusconi, confondendo la conseguenza con la causa, perché il problema a monte è di 5 anni prima, cioè con la caduta del Muro e lo scioglimento del PCI.
In questo caso si poteva pensare a una svolta storica che avrebbe introdotto una sinistra consapevole e senza timidezze mentre invece è stato uno sfacelo di cui ancora oggi paghiamo le conseguenze.
Secondo Cafagna la crisi che si è venuta a creare è di tre tipi, fiscale, morale e istituzionale.
La crisi fiscale deriva dalla spesa pubblica elargita a piene mani per decenni in forme assistenziali fino ad accumulare debiti ingestibili, senza dimenticare l’altro enorme problema italiano costituito dall’evasione fiscale. La crisi morale è frutto della partitocrazia ovvero dell’eterna disputa tra DC e PCI e del conflitto irrisolto tra PSI e PCI che ha contribuito a liquidare il secondo a favore del primo, degenerato poi nella famigerata rete di interessi di Bobo Craxi. La crisi istituzionale invece è stata dovuta da un lato a una mancata riforma istituzionale e dall’altra da Tangentopoli, che fu, per l’autore, “una vera e propria guerra civile tra i poteri dello stato”.
Questo insieme di fattori ha portato la situazione a livelli estremi con conseguenze ben note come la fine della Prima Repubblica.
Cafagna, storico di area socialista, morto quest’anno, ammonisce il lettore dai pericoli derivanti dalla nuova ondata di Antipolitica dilagante (ai tempi Lega, Rete, Movimento Referendario, oggi Grillo), espressione della reazione della popolazione alla desolante situazione in cui versa da troppi anni la politica italiana.
Vent’anni fa, alla fine della prima repubblica (uso le minuscole volutamente) ci si aspettava un periodo riformista che potesse risanare, almeno in parte, le cose. Oggi l’Italia sta ancora peggio e sembra che la situazione non abbia ancora toccato il livello più basso, cioè il fondo, tanto per capirci. Ciò che dobbiamo temere, in circostanze come queste, è il rischio di aggrapparsi a chi promuove soluzioni drastiche con toni esasperati e mimiche accese senza un minimo di realismo.
Personalmente condivido le idee e le linee principali dell’autore, se però dobbiamo riporre in Bersani e in Franceschini (alleati magari con Casini) le nostre speranze future per ritrovare i valori della sinistra, allora è meglio se ci diamo all’alcool.

http://www.marsilioeditori.it/component/marsilio/libro/3171285-la-grande-slavina

Luciano Cafagna La grande slavina

Condividi:
Share
Giovanni Sciuto
giobattabis@hotmail.com

Nato all’ombra della lanterna il 9 luglio del 1977 è costretto ad emigrare in Padania ancora in fasce. Stabilitosi definitivamente sulle desolate sponde del Po matura già dalla tenera infanzia una certa insofferenza verso il grigiore, la nebbia e l’umidità dell’ambiente . Laureatosi in filosofia a Genova entra trionfalmente nel mondo del precariato svolgendo le più svariate professioni partendo dal telefonista, passando per il Mc Donald’s fino a spiccare il grande salto come cameriere nei matrimoni degli industrialotti padani. Sprofondato in questo humus per troppo tempo decide di mettere la testa a posto e di farsi una famiglia. Da dicembre del 2010 è il papà di Veronica che lo costringe a lunghe e indimenticabili veglie notturne generosamente condivise con la compagna Michela.Grande appassionato di cinema e di lettura ama visceralmente la commedia all’italiana e i suoi interpreti, su tutti Gassman, Tognazzi, Sordi e Manfredi. Successivamente s’imbatte in fortunate conoscenze quali Truffaut e Romher, Bunuel e Almodovar e per quanto riguarda il cinema anglosassone Kubrick, Scorsese, i fratelli Cohen, Woody Allen e Spike Lee. Legge voracemente autori più o meno moderni ed è sempre alla ricerca di nuovi titoli e nuovi scrittori. Tiene sempre al suo fianco vecchie glorie come Moravia, Buzzati oltre che Izzo, Murakami e John Fante solo per citarne alcuni.Spinto da un’insopprimibile e masochista inquietudine che lo costringe a seguire le alterne fortune del Genoa è un grande appassionato di corsa, recentemente decide d’intraprendere il cammino del vegetarianesimo.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.