Link Protrudi & The Jaymen – The Best Of

Link Protrudi & The Jaymen – The Best Of

Chi avuto la fortuna – o la sventura vedete voi – di conoscerlo di persona ha un ricordo di mister Protrudi non esattamente idilliaco, quello di una persona dall’ego a dir poco smisurato.

Chissà che fatica quindi dev’essere stata per il nostro mutuare il suo nome – sia pur omaggiando sua maestà Link Wray – ed accettare per una volta di non cantare, cosa per altro che fa solitamente in maniera egregia.

A distanza – se non vado errato, leggerlo sarebbe stato troppo semplice, di undici anni – la benemerita Go Down Records ristampa questo esplosivo best of composto da ventisei brani di surf strumentale suonato con passione, competenza, attitudine e bruciante urgenza come raramente capita di ascoltare.

Il vostro affezionatissimo (cit.) già provvide a parlarne allora e trova quindi poco da aggiungere sulla scaletta (esaltante) ma si premura di aggiungere tre cose:

1) il mare è a portata d’occhio ed ascoltare questo disco te ne mette una voglia esponenziale,

2) sul sito dell’etichetta trovate questo disco ad una cifra onestissima, spendere gli stessi soldi per bere due merdosissimi cocktails farebbe di voi davvero delle brutte persone

3) quanto è figo parlare in terza persona?!?

Se non avete la fortuna di avere la spiaggia a pochi metri dalla vostra dimora, mica siete tutti il Santo perdio, mettete questo cd nel lettore e fatevi travolgere dalle onde che l’ascolto vi farà cavalcare con la mente, se non provate questa sensazione o ascoltate musica di merda oppure avete sbagliato droga o, più semplicemente, il suo dosaggio.

Un giorno all’improvviso mi innamorai di te, il cuore mi batteva, non chiedermi il perché, non c’entra un cazzo? Non siate miscredenti per cortesia!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati