iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Kynesis – Kali Yuga

Per i Kynesis un album d'esordio versatile e avvincente dalla prima all'ultima nota

Kynesis – Kali Yuga

Se c’è una certezza al termine dell’ascolto di questo primo album dei Kynesis, questa consiste nella difficoltà oggettiva di catalogarlo in uno stile specifico.

Infatti, ogni qualvolta pare d’avere inquadrato il sound della band torinese, il brano successivo arriva a ridefinire, quando non addirittura a ribaltare, quanto dedotto in precedenza.
Non di rado questa caratteristica si può rivelare un potenziale boomerang, perché il rischio di disorientare un audience pigra è piuttosto elevato: per fortuna, quando una tale versatilità è accompagnata da doti compositive di rara efficacia come quelle mostrare dai Kynesis, tale rischio viene scongiurato.
I, Iconoclast è il primo carico piazzato dalla band, un post hardcore sostenuto da un grande impatto melodico che si imprime a forza nella memoria e che, probabilmente, si rivela il picco qualitativo di Kali Yuga.
Il fatto che ciò coincida con la prima vera traccia (il lavoro in realtà viene aperto e chiuso da due strumentali in apprezzabile stile space ambient) non significa affatto che il resto del disco si riveli sotto tono, tutt’altro: una serie di brani dall’enorme impatto, sia che appaiano contigui al death melodico, che attingano al più classico postmetal o che lambiscano territori black, almeno per le ritmiche, senza neppure disdegnare talvolta sfumature sinfoniche, si susseguono senza lasciare tempo all’ascoltatore di metabolizzare una specifica impronta, in uno spesso entusiasmante e caleidoscopico alternarsi di emozioni e sensazioni.
Nonostante questa accentuata versatilità, come detto, i Kynesis riescono ugualmente a mantenere coesa una tracklist solo apparentemente disomogenea, grazie ad un tratto compositivo del tutto personale, a partire dallo screaming di stampo hardcore di Ivan fino all’ottimo lavoro d’insieme esibito dall’intera band.
Un disco, questo, che potrebbe essere giudicato sorprendente per la qualità espressa solo da chi non si è ancora accorto del fatto che, in questo 2014, l’underground metal italiano sta sfornando a getto continuo dischi e band di livello eccelso.
Se poi tutti, musicisti ed addetti ai lavori inclusi, continuano pervicacemente a sostenere che, in realtà, una scena tricolore vera e propria non esiste, beh, chi se ne importa, finché i risultati sono quelli esibiti dai Kynesis con Kali Yuga

Tracklist:
1. Enter the Dark Age
2. I, Iconoclast
3. Gods from Ancient Skies
4. The Screamer
5. Karma
6. Redrum
7. Ex-Stasis
8. Chakra
9. Pancosmic Being
10. Monad

Line-up:
Ivan – guitars, vocals
Giacomo – bass
Francesco – synth, keyboard, programming
Luca – guitars
Alessio – drums

KYNESIS – Facebook‎‎

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Avatar
    KYNESIS
    Posted at 17:15h, 07 Settembre Rispondi

    Grazie mille per averci recensito e per gli ottimi commenti!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.