Kosmokrator – To The Svmmit

Kosmokrator - To The Svmmit 1 - fanzine

Pubblicato il

Scritto da

Questo demo propostoci dalla Vàn Records, uscito nel 2014 in edizione limitata in cassetta, è il debutto discografico di questa misteriosa band proveniente dal Belgio, attiva dal 2013.

Tre brani, di cui due lunghissimi, per mezz’ora di musica, sono il biglietto da visita dei Kosmokrator, quintetto alle prese con un famigerato esempio di black metal occulto e misantropo, rinvigorito da iniezioni di death metal, in un contesto old school ed assolutamente underground.
Sacerdoti alle prese con litanie catacombali, messe nere terrorizzanti, per un sound che si avvale di atmosfere liturgiche, molto evil nell’approccio e dalle indiscusse origini infernali, il gruppo nord europeo ha dalla sua una buona presa, specialmente a livello atmosferico, mentre come molte delle realtà del genere lascia a desiderare in sede di produzione.
Attimi di sacrale musica perduta nei meandri di chiese sconsacrate si alternano a feroci accelerazioni black/death, niente di nuovo ma sicuramente affascinante, almeno per chi considera il metal estremo di estrazione black solo in un contesto underground e fuori dagli schemi preordinati del circuito metallico.
Non una nota che non sia assolutamente volta a rafforzare la componente occulta e misantropica del concept che sta dietro ai Kosmokrator, espressa anche dalla scelta di produrre il lavoro solo nel vecchio supporto in cassetta, cosi da ribadire la natura old school ed assolutamente underground del progetto.
Scrosci di pioggia in notti di luna piena, cori ecclesiastici di sacerdoti devoti all’oscuro signore, ed un’aura da messa nera che avvolge per tutta la durata To The Svmmit, con l’opener Ad Alta, Ad Astra, la devastante death metal song Adoration of He Who Is upon the Blackest of Thrones, che spezza in due l’atmosfera opprimente dell’album che torna a farsi terrorizzante, gelida e maligna con la conclusiva Sermon of the Seven Svns.
Misteriosi e sepolcrali, i Kosmokrator non cercano di certo la gloria commerciale con il loro lavoro, ma potrebbero essere una buona sorpresa per i blacksters duri e puri, consigliato solo a chi si nutre di queste sonorità.

TRACKLIST
1. Ad alta, Ad astra
2. Adoration of He Who Is upon the Blackest of Thrones
3. Sermon of the Seven Svns

LINE-UP
T – Bass
E – Drums
CM – Guitars
M – Guitars, Vocals
J – Vocals

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.