Kleinkief – Fukushima

Kleinkief – Fukushima

Con quasi venti anni di carriera alle spalle e ben quattro dischi pubblicati, i veneti Kleinkief di Thomas Zane (accompagnato adesso da Samuele Giuponi, Nicolò De Giosa, Claudio Favretto, Fabio Barlese, Erik Ursich e Elena Vianello), ricompaiono sulle scene con Fukushima. L’album, pubblicato per Shyrec e Dischi Soviet Studio, si suddivide in sei interessanti brani a cavallo fra indie rock, pop e derive post rock.

I quasi undici minuti di Grattacieli, combinando paesaggi sonori con freschezza pop/rock e dilatazioni ai limiti della psichedelia, tiene alta l’attenzione con il suo pacato mutare, mentre le chitarre di Mr Fulcanelli, giocate su melodie meno immediate, mettono in risalto le note di basso, lasciando che a seguire sia il crescere pensieroso ed energico de Il Regno.
Lo spirito crepuscolare di Capogiro Inspirato, galleggiando e abbracciando con il suo animo sognante e delicato, accarezza con le sue morbide atmosfere, introducendo i riflussi post punk della più squadrata e nervosamente emotiva I Dannati.
Il quarto d’ora di Fukushima, infine, estremamente evocativo nella sua minimale e composta desolazione, dà l’impressione di essere realmente dispersi fra le spettrali aree dove si è consumato il grave disastro nucleare.

Il quinto disco lungo dei Kleinkief, conferma, ancora una volta, il valore di una band che non sarebbe corretto mettere da parte. I sei brani proposti, curati sotto tutti gli aspetti (arrangiamenti, idee, melodie, ispirazione e contenuti), si susseguono senza mostrare particolari difetti. Un album ben strutturato che dà il meglio di sé nelle parti più evocative ed emotivamente intense.

TRACKLIST
01. Grattacieli
02. Mr Fulcanelli
03. Il Regno
04. Capogiro Inspirato
05. I Dannati
06. Fukushima

LINE-UP
Thomas Zane
Samuele Giuponi
Nicolò De Giosa
Claudio Favretto
Fabio Barlese
Erik Ursich
Elena Vianello

KLEINKIEF – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati