Klasse Kriminale – Vico Dei Ragazzi

klasse kriminale

Klasse Kriminale – Vico Dei Ragazzi

klasse kriminaleNella vita ci sono poche certezze e pochissimi punti fermi. Nel mio caso sono tirare le cuoia, tifare Genoa finché vivrò e i Klasse Kriminale. Giuro non lo dico per piaggeria o ruffianaggine (non ne ho alcun bisogno) ma la band di Marco mi tiene compagnia dall’età della ragione, è la prima che abbia visto dal vivo e quella della quale – assieme forse solo a Kina e Negazione – conosca praticamente tutti i testi a memoria.

E quindi per me sempre un’emozione particolare quando esce un loro nuovo album, e questo Vico dei Ragazzi è un album della madonna come i nostri non ne realizzavano da anni.

Si parte con Overture 35 con tanto di citazione alla nona di Ludovico Van (forse abbiamo mangiato troppe arance meccaniche?) a cui segue il pezzo che da il titolo al disco ed è subito una bomba; quant’è che un gruppo tipo i Rancid non scrive un brano di tale livello?

Anthem a venire per i concerti post quarantena. A Song for Micky è un pezzo da cantare a squarciagola mentre Sempre di Corsa dimostra come i Klasse abbiano sempre qualcosa da insegnare a chiunque voglia scrivere una canzone oi perfetta. Prole Rock è uno spaccato della mia vita, e di chi al lunedì mattina prendeva il 6, che solo chi è nato a pochi chilometri da casa mia poteva scrivere.

Take your Boots è propedeutica a ricordarci da dove veniamo e I Nuovi Banditi chi siamo. Eroi! è – sorprendentemente – glam mentre Hey Boys sottolinea, per l’ennesima volta, l’influenza e l’amore della band verso gli Stiff Little Fingers, chiude il tutto Glory Boys, il pezzo più lungo dell’album, giocato sulla sottile malinconia di chi forse sarà battuto ma mai sconfitto.

Come sempre i testi di Marco sono semplici ma non banali e diretti ad un pubblico che mi auguro sia sempre più numeroso e pronto a capirli e farli propri.

Se tutte le band con gli anni sulle spalle che portano i KK suonassero ancora con la loro grinta e dimostrassero sempre la loro ferrea attitudine questo sarebbe un mondo migliore, il nostro mondo.

 

Track List
1) Overture 35,
2) Vico dei Ragazzi,
3) Quartieri in Fiamme,
4) A Song for Micky,
5) Sempre di Corsa,
6) Kidz & Queens,
7) Prole Rock,
8) Take Your Boots,
9) I Nuovi Banditi,
10) Solo Buone Intenzioni,
11) Sul Ring,
12) Eroi!,
13) Hey Boys,
14) Glory Boys

Etichetta Label
Randale Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.