iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ivalys – Lumen

La giovane band marsigliese non convince del tutto, nonostante una proposta oggettivamente valida e impeccabile dal punto di vista formale ma priva di spunti memorabili.

Ivalys – Lumen

Gli Ivalys appartengono al novero delle band dedite al gothic metal con voce femminile e di per sé, questa come presentazione, salvo per i completisti del genere, rischia di non essere particolarmente allettante.

In effetti, per emergere in un contesto così affollato ormai non bastano più una bella voce e una buona capacità strumentale, ciò che può fare la differenza tra il ritagliarsi una fetta di pubblico affezionato ed il restare confinati nel limbo, è riuscire a comporre una manciata di canzoni che riescano a lasciare il segno.
La giovane band marsigliese fallisce in parte quest’obiettivo, nonostante una proposta oggettivamente valida e impeccabile dal punto di vista formale: dal mio punto di vista qualche traccia degna di menzione ci sarebbe pure ma, rispetto per esempio ai compagni di etichetta Azylya, manca quel pathos esecutivo che permeava il disco d’esordio della band fiamminga.
Infatti, gli Ivalys non riescono a comunicare quelle emozioni che dovrebbero essere l’obiettivo principale per chi si dedica ad un genere come il gothic metal: Jessica Donati ha vice bella ma un po’ “algida” e il periodico ricorso al growl maschile appare più l’applicazione di uno standard quasi obbligatorio che non un’effettiva necessità artistica e, in effetti, tutto il lavoro fornisce la sensazione d’essere una impeccabile rappresentazione formale di tutti i cliché del genere.
Intendiamoci, gli Ivalys hanno tutte le carte in regola per sfornare, in un prossimo futuro, un disco in grado di smentirmi e di farmi piacevolmente ricredere, anche perché Lumen, in fondo, non costituisce certo un ascolto sgradevole e lo dimostra il fatto che la valutazione finale lo colloca ben al di sopra della sufficienza.
Diciamo che, oltre alla personalità, mancano soprattutto quelle canzoni che possano restare impresse dopo un po’ di ascolti e, francamente, a parte l’opener Within Flesh e qualche passaggio azzeccato sparso qua e là, il resto della musica proposta dagli Ivalys scivola via in modo gradevole ma senza lasciare il segno.
Aspettiamo pertanto la band transalpina ad una prossima riprova prima di emettere un giudizio definitivo sul suo effettivo valore.

Tracklist :
1. Within Flesh
2. Nothing Grows
3. Haven
4. Disclosure
5. Lumen
6. As It Wanes
7. Enclosure
8. The Passengers
9. Instill Light
10. Fragments

Line-up :
Loris Guillen – Bass
Pablo San Martín – Drums
Nicolas Rey – Guitars
Jessica Donati – Vocals
Stanislas Dinnequin – Guitars

IVALYS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.