Incantation – Dirges of Elysium

Incantation - Dirges of Elysium 1 - fanzine

Incantation – Dirges of Elysium

Gli Incantation, per chi ascolta metal, non dovrebbero avere bisogno di presentazioni, visto che ormai da un quarto di secolo torturano puntualmente i nostri padiglioni auricolari con un death privo di compromessi ma, probabilmente anche per questo motivo, il loro nome è rimasto leggermente sotto traccia rispetto ad altri ben più famosi, pur se non necessariamente di superiore caratura.

Dirges Of Elysium è il decimo full-length di una discografia dal livello qualitativo medio elevatissimo e che, paradossalmente per una band dalla storia così lunga ed importante, si dimostra in costante crescendo negli ultimi anni; tutto ciò avviene senza ricorrere ad ammiccamenti groove-melodici o ad audaci sterzate stilistiche, bensì conferendo al proprio consolidato death dai tratti morbosi, che sovente sconfina in caliginose sonorità doom, un’intensità di gran lunga superiore a quella, comunque apprezzabile, mostrata dalla nouvelle vague del genere.
Insomma, se anche molti dei nomi storici paiono segnare il passo o forse, non hanno più la convinzione o la forza per portare avanti pervicacemente queste sonorità sature di tenebrosa veemenza, gli Incantation regalano, a chi ha orecchie per intendere, cinquanta minuti di death che non necessita di alcun altro aggettivo per essere descritto: questa è l’essenza del genere, l’evocazione della morte, del disfacimento, la cronaca impietosa della caduta in voragini dove ogni parvenza di vita è stata fagocitata da una blasfema ed informe materia putrescente.
La componente doom non mostra alcun parvenza malinconica o caratteristiche auto consolatorie come sovente accade nel genere in questione; i rallentamenti, piuttosto, appaiono funzionali alla rappresentazione di un immaginario ancora più cupo e denso di maligna oscurità.
Se Carrion Prophecy è un brano che, per gli standard degli Incantation, potrebbe essere perfino definito “orecchiabile” se non si rischiasse di cadere nel grottesco, tracce come Debauchery o From A Glaciate Womb portano letteralmente a scuola decine di band di più recente formazione che, mi duole dirlo, hanno ancora molta strada da fare prima di raggiungere i livelli di intensità e di coinvolgimento raggiunti dai deathsters della Pennsylvania.
Anche cimentandosi in un brano di oltre sedici minuti come la conclusiva Elysium, John McEntee e soci non perdono un’oncia della propria convinzione, chiudendo in maniera eccellente il miglior album death ascoltato dal sottoscritto da parecchio tempo a questa parte, con buona pace di chi non ritiene degno di attenzione chi “si limita” a perpetrare ai massimi livelli la tradizione di un genere con il quale tutti, piaccia o meno, dovranno fare i conti ancora molto a lungo.

Tracklist:
1. Dirges of Elysium
2. Debauchery
3. Bastion of a Plague Soul
4. Carrion Prophecy
5. From a Glaciate Womb
6. Portal Consecration
7. Charnel Grounds
8. Impalement of Divinity
9. Dominant Ethos
10. Elysium (Eternity Is Nigh)

Line-up:
John McEntee – Guitars (lead), Vocals
Kyle Severn – Drums
Chuck Sherwood – Bass

INCANTATION – Facebook

Tags:
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.