iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : In Autumn – What’s Done Is Done

Il sound offerto dagli In Autumn oscilla tra il death melodico, il post metal e il doom atmosferico, creando un connubio ben congegnato attraverso una decina di brani relativamente brevi ma efficaci e ben bilanciati tra aggressività e melodia, con la costante alternanza tra clean e harsh vocals.

In Autumn – What’s Done Is Done

Gli In Autumn, band veneta attiva dall’inizio dello scorso decennio, giungono al terzo full length con What’s Done Is Done; come già accaduto anche in occasione dei due precedenti lavori (Reborn del 2013 e Greyerg del 2018) va annotato un avvicendamento alla voce con l’approdo al ruolo questa volta da parte di Giuliano Zippo, cantante esperto e autore di una prova versatile, mentre per il resto il gruppo verte sempre sul nucleo storico formato da Cristian Barocco (chitarra e tastiere), Diego Polato (basso) e Marco Liotto (batteria).

Il sound offerto dagli In Autumn oscilla tra il death melodico, il post metal e il doom atmosferico, creando un connubio ben congegnato attraverso una decina di brani relativamente brevi ma efficaci e ben bilanciati tra aggressività e melodia, con la costante alternanza tra clean e harsh vocals.

Personalmente devo ammettere che preferisco i momenti in cui la band rallenta i ritmi e, pur riconoscendo che si tratta appunto di un problema di gusto soggettivo, resto dell’idea che è proprio in tali frangenti che emergono i tratti più personali e coinvolgenti della band vicentina. Ciò detto, What’s Done Is Done è decisamente un’opera pregevole che ha tutto per gratificare gli estimatori di queste sonorità; la title track, Lucid Dream e Despised By Life sono le canzoni che, a mio avviso, spiccano in una tracklist comunque compatta e apprezzabile in toto, sintomatica di un ritorno senz’altro riuscito.

2024 – My Kingdom Music

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.

Grey Skies Fallen – Molded by Broken Hands

I Grey Skies Fallen rispetto a molte altre band del settore possiedono una forte indole progressive e una spiccata propensione alla forma canzone, il che li rende tutto sommato abbastanza peculiari e meno inquadrabili.