iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ignotum – Larvas Mortal God

“Larvas Mortal God” esalta per la sua sapiente amalgama di sonorità estreme: un debutto su lunga distanza col botto da parte degli Ignotum.

Ignotum – Larvas Mortal God

Esordio col botto per i lombardi Ignotum, nati nel 2011 ed autori di un buon Ep omonimo lo scorso anno.

La band di Como mi ha letteralmente spiazzato, pensavo di trovarmi al cospetto del solito death/black sparato a mille, magari buono ma troppe volte scontato, se ci allontaniamo dai nomi di punta.
Invece Larvas Mortal God è un bellissimo disco estremo, nella sua concezione più varia, oscuro ma tremendamente melodico, rivelandosi una riuscita combinazione di tutte le sonorità scandinave, che si alternano come protagoniste in tutto il lavoro.
Death, black, melodic death e spunti dark si attorcigliano come serpenti per poi allontanarsi e colpire con il loro morso letale, per tornare poi ad amoreggiare tra sfuriate metalliche esaltanti, atmosfere nere e ritmiche velocissime, un vero spasso per gli amanti del metallo nero.
Musicisti bravissimi che aggiungono al talento musicale un impatto da top band, con i brani dell’album che attingono al meglio delle produzioni del nord/est europeo, ma sprizzano personalità da tutti i pori, riuscendo nell’impresa di risultare esaltanti: i brani non cedono un’oncia in qualità ed impatto, lasciando a bocca aperta per il loro livello altissimo, grazie a ritmiche spettacolari, tenute dalla coppia Stefano Zarantonello (basso) e Federico Mascetti (drums), ai solos ipermelodici della coppia d’asce Fabio Guereschi e Luca Borghesi, fino alle vocals di quel grande interprete estremo quale è Marco Capuzzo, che alterna growl e scream in maniera maiuscola.
Tra i solchi dell’album, dove a farla da padrone sono brani come Soul’s Self Mutilation, Inhale The Void, Mary L., Hecatomb Memories, troverete il meglio della produzione estrema con in testa il melodic death dei Dark Tranquillity, il black/death dei Behemoth e lo scandinavian death dei gruppi storici, sapientemente dosati dal gruppo lombardo, che parte in quinta verso una carriera a mio avviso colma di soddisfazioni.

Tracklist:
1.Through Madness Reminiscience
2. Soul’s Self Mutilation
3. Inhale The Void
4. The Circles’ Kiss
5. Mary L.
6. Abyss, You Shine
7. In Skinless Dream
8. Hecatomb Memories
9. Clown With Crown

Line-up:
Marco Capuzzo – Vocals
Fabio Guereschi – Guitar
Luca Borghesi – Guitar
Stefano Zarantonello – Bass
Federico Mascetti – Drums

IGNOTUM – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta