dal 1999

Recensione : I Fasti – Palestre

I Fasti - Palestre: Bologna Violenta, Genova Urla e Torino s’adopera. Sembra un versetto del Vangelo ma riprende la realtà, non troppo cruda...

I Fasti – Palestre

Bologna Violenta, Genova Urla e Torino s’adopera. Sembra un versetto del Vangelo ma riprende la realtà, non troppo cruda di tre città che messe a confronto sanno dare il meglio, e senza competizione.

Di notte solamente le strade e la velocità adibita alle stesse sanno distinguere queste officine prodigiose, dettando gli algoritmi della produttività. E ripeto: non c è un podio quando si parla di DIY ma cooperazione e scambio di informazioni utili ad alimentare un roster carico di suggestioni sonore che con il tempo si consolidano. Prendendo ad esempio il flusso incanalato nella scacchiera torinese, ipotizziamo di entrare in macchina per un giro serale: viali diritti, ampi parcheggi e zone industriali all’interno degli stessi quartieri, riportano alla realtà ciò che le sale di registrazione producono a scapito dei gruppi.
Se l’inciso promette bene come i titoli di apertura, I Fasti sanno mettere tutto il necessario per accompagnare durante questo tragitto, conducente e passeggeri: narrazione, melodia e ritmo. Non è affatto un limite essere paragonati/bili ad una orchestra mignon in grado di creare OST, contando che la linea vocale assegna un timbro a tratti calzante quanto sospeso. Ecco il senso di movimento che si prodiga e si diletta in un crescendo sempre più ritmico, alternando i due bassi dai due computer, che simili a sonar scandagliano le profondità emotive, al di fuori del finestrino. Il profilo onirico che ne consegue dalla recensione, postumo all’ascolto, è merito dell’impegno nella ricerca sonora quanto vocale svolta in anni di ricerca e riassunti in 5 dischi (con l’attuale Palestre) di cui “OFF” citato e riconosciuto come gioiello atipico allegato all’opera letteraria di Marco Magnone. Cosa inoltre denota la guardia che in anni questo sestetto ha meritato è stata la partecipazione all’era spaziale (Era Spaziale Festival, NoFest!, Punk Monster Fest, If The Bomb Falls, Diy Yeah Fest ecc.) condividendo il palco assieme alla vera scena indipendente italiana, quella nipote ai Massimo Volume , per intenderci. Le due chitarre infatti, complementano la sfera sonora rendendola più catchy e non necessariamente eterea, non come solo Brian Eno può fare. Il nuovo album Palestre, prodotto da 211dB, è già uscito il 28 marzo 2015 con distribuzione digitale a cura di I Dischi Del Minollo ma in questi giorni il clip di Seminole (ispirato all’omonimo gruppo) sta aiutando il pubblico a riapprezzare l’intero disco, vista la scelta come singolo.

Line-up:
Rocco: voce
Fede: basso & beat
Roberto “Furfi”: basso & synth
Andrea: chitarre
Eros: chitarre

I FASTI – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Martin Eden di Jack London

Martin Eden Jack London

Martin Eden scritto da Jack London: un giovane marinaio di origini umili si innamora di una ragazza della borghesia. Per conquistarla, si impegna a diventare uno scrittore, ma il successo gli porterà solo disillusione e dolore.

Deth Kaktus – Prick

I Deth Kaktus sono un gruppo originale, potente e molto molto divertente con canzoni di qualità ben al di sopra della media, per un’apocalisse divertente e rumorosa, senza tassi di interesse.

S.G.A.T.V. – S.G.A.T.V.

Nelle sonorità dei SGATV si può riconoscere e distinguere anche la geometria fredda e imperscrutabile di tanta NDW (la Svizzera è stato il paese dei grandissimi Grauzone che, ad ogni buon conto, gli SGATV hanno ascoltato e fatto tesoro)

Kathleen Hanna, in arrivo un memoir

L’iconica attivista femminista Kathleen Hanna darà alle stampe una autobiografia, prevista per il maggio 2024 e intitolata “Rebel Girl: My Life as a Feminist Punk“, che sarà edita da HarperCollins (qui il link per il pre-order). Il memoir tratterà le vicissitudini e il percorso, musicale